Rabiot: “Maignan grande colpo per il Milan, è un leader”

Le parole al miele di Adrien Rabiot nei confronti dell’amico Mike Maignan. Il portiere del Milan è cresciuto con lui a Parigi.

Rabiot
Adrien Rabiot (©Getty Images)

C’è grande curiosità in casa Milan per vedere all’opera il primo colpo della sessione estiva 2021. Ovvero Mike Maignan, portiere che prenderà il posto e la pesante eredità di Gianluigi Donnarumma a partire dalla prossima stagione.

Un numero uno di 25 anni, nel giro della Nazionale francese ed eletto miglior portiere dell’ultimo campionato di Ligue 1, che lo ha visto trionfare tra i pali del Lille. Le premesse sono ottime, così come anche i pareri di chi lo conosce già bene.

Oggi è stato Adrien Rabiot ad elogiare Maignan, nell’intervista concessa alla Gazzetta dello Sport. I due sono molto amici, non solo perché condividono la presenza in Nazionale. Ma soprattutto perché sono cresciuti assieme nel settore giovanile del PSG.


Leggi anche > Clamoroso Donnarumma! Si propone alla Juve


Rabiot ha utilizzato parole al miele per il suo vecchio amico e connazionale: “Il Milan ha fatto un grande acquisto. Mike magari non è mai stato molto pubblicizzato, ma è un ottimo portiere, un leader, forte tecnicamente come dimostrano le 21 partite senza prendere gol. I tifosi rossoneri non saranno delusi”.

Parole importanti nei confronti di Maignan, che da molte fonti viene indicato come un portiere dalle qualità soprattutto caratteriali importanti, tanto da imporsi ad alti livelli ed in crescendo. Rabiot non vede l’ora di affrontarlo nel prossimo campionato, nel duello da alta classifica Milan-Juventus.

Ma intanto si parla di Europeo e la Francia di Maignan e Rabiot è tra le favorite: “Siamo campioni del Mondo, vice-campioni d’Europa, abbiamo giocatori di altissimo livello, da Pogba e Kanté, da Mbappé a Griezmann. Ed è tornato Benzema che porta un contributo importante. È normale che la Francia abbia l’etichetta di favorita. L’Italia? Ha giocatori di qualità che conosco bene affrontandoli in Serie A. È una nazionale forte e giovane, dal bel potenziale, che avrà la sua da dire” – ha ammesso lo juventino.