Calhanoglu, tutto riaperto: l’ultima chiamata del Milan

Il Milan ha ripreso i contatti con Calhanoglu e il suo entourage per il possibile rinnovo. I tempi sono stretti e in caso di rifiuto è viva l’idea che porta a De Paul

Hakan Calhanoglu
Hakan Calhanoglu (Fonte Twitter)

Il Corriere dello Sport, nella sua edizione odierna, ha fatto il punto sulla questione attorno al rinnovo di Hakan Calhanoglu. Come abbiamo già raccontato ieri, i contatti tra il Milan e l’entourage del trequartista turco sono ripresi, inaspettatamente aggiungeremmo. Ad Hakan è stato offerto un contratto a lungo termine a 4 milioni di euro netti a stagione, più eventuali bonus. Sino ad oggi, nessuna risposta!

Il quotidiano sportivo sottolinea, però, quanto la pazienza del club rossonero sia limitata. C’è da sistemare bene la rosa in vista della prossima stagione, e il Milan non si può più permettere di temporeggiare. Per questo è stato dato un ultimatum ad Hakan Calhanoglu. Il classe 1994 ha tempo sino alla prossima settimana per prendere una decisione definitiva: rinnovare o rifiutare l’offerta di Maldini e Massara.

Se il verdetto dovesse essere negativo, il Milan sa già su chi puntare per trovare il sostituto ideale di Calhanoglu.


Leggi anche:


Milan, l’idea de Paul è sempre viva – Monitorati anche Djuricic e Ilicic

Il Corriere dello Sport sottolinea come il Milan sia pronto a piombare su Rodrigo de Paul se Hakan Calhanoglu, alla fine, dovesse rifiutare l’offerta per il rinnovo. L’argentino è il primo profilo nella lista dei candidati di Maldini e Massara.

Si è più volte ribadito quanto il costo del suo cartellino sia l’ostacolo principale: 35-40 milioni di euro. In più, la spietata concorrenza dell’Atletico Madrid di Simeone mette sicuramente pressione al Milan.

Il club rossonero sta, comunque, tenendo in considerazione delle alternative. Oltre a De Paul, il Milan monitora le situazioni di Djuricic del Sassuolo e Ilicic dell’Atalanta. Sappiamo che nel caso di Josip, Maldini e Massara sarebbero disposti all’acquisto soltanto in caso di un basso indennizzo: 5-7 milioni di euro.

È chiaro che queste ipotesi potranno concretizzarsi in trattative soltanto se Hakan Calhanoglu decidesse di cambiare dimora. La prossima settimana lo scenario sarà più chiaro, e il Milan potrà decidere come muoversi per dare una sistemazione alla trequarti di Stefano Pioli.