Brahim Diaz a caccia della conferma | Dipende tutto da Ancelotti

Il Milan vuole trattenere Brahim Diaz almeno per un’altra stagione. Il club dovrà confrontarsi con l’ex allenatore.

Diaz
Brahim Diaz (©Getty Images)

Il desiderio di Brahim Diaz è uno solo: restare al Milan. Il talento di Malaga ha terminato la sua prima stagione in rossonero con prestazioni in crescendo, dimostrando di essere un calciatore già importante e molto tecnico. Peccato che il prestito annuale con il Milan sia terminato e ad oggi può considerarsi un elemento del Real Madrid.

C’è ora da trattare la possibile riconferma di Diaz. Uno degli obiettivi rossoneri dell’estate 2021 è proprio quello di ottenere nuovamente il classe ’99 all’interno della propria rosa, ma cambiando le condizioni. Non più un prestito secco, bensì una soluzione a titolo temporaneo con diritto di riscatto annesso.

Come scrive il Corriere dello Sport di oggi, il Milan sta lavorando su questo fronte, interfacciandosi con un interlocutore molto particolare: l’ex tecnico rossonero Carlo Ancelotti, tornato ad essere l’allenatore del Real Madrid. Carletto avrà pieno potere decisionale sul calciomercato delle merengues.


Leggi anche > Milan, tesoretto da 50 milioni con le cessioni


Ancelotti sembra essere decisamente disposto a trattare con la sua ex squadra. Il filo diretto con Paolo Maldini sembra poter agevolare il tutto, vista la stima e l’amicizia tra i due. Inoltre il Real deve sfoltire la rosa ed è propenso ad ascoltare le offerte in arrivo per i suoi talenti.

Si tratta soprattutto sulla cifra da inserire come opzione per il riscatto a titolo definitivo. Si parla di una somma tra i 20 ed i 25 milioni di euro, che dovrebbe essere accettata anche dal Milan stesso. Insomma, la permanenza di Brahim a Milanello sembra più vicina, almeno secondo gli indizi che arrivano da Madrid.

Inoltre Ancelotti potrebbe anche aprire un discorso con il Milan per Alvaro Odriozola, altro esubero del Real che interessa i rossoneri. Il terzino ex Bayern è in uscita e Maldini, se non dovesse riuscire a trattenere Diogo Dalot, potrebbe farci un pensierino.