Ibrahimovic dimesso dopo l’intervento: il programma di recupero

Zlatan Ibrahimovic si è sottoposto all’intervento al ginocchio. Ora passerà un’estate tra relax e fisioterapia varia.

Ibrahimovic
Zlatan Ibrahimovic (©Getty Images)

La terapia conservativa inizialmente proposta per curare i dolori di Zlatan Ibrahimovic è stata un fiasco. Inevitabile dunque l’operazione al ginocchio in artroscopia per risolvere il problema che perseguita l’attaccante svedese ormai da qualche tempo.

Ibra ha subito l’intervento nella clinica romana Salvador Mundi International Hospital. Tutto realizzato meticolosamente, con il calciatore del Milan che è stato già dimesso e potrà iniziare il suo programma di recupero personalizzato.

Non prima di aver concluso le proprie vacanze. Ibra ha già raggiunto la famiglia sullo yacht di sua proprietà ormeggiato al largo di Maiorca. Relax meritato per il classe ’81 che aveva dovuto interrompere le ferie proprio per sottoporsi il prima possibile a tale intervento.


Leggi anche:


Ibra, i tempi di recupero con il Milan

Dopo le vacanze, sarà tempo di tornare al lavoro. I tempi stimati per il suo recupero sono di 8 settimane complessive, ovvero una prima parte di riposo assoluto e una seconda di lavoro tra fisioterapia e campo per riottenere una forma adeguata alle articolazioni.

Non sarà facile per un atleta di quasi 40 anni, ma tutti conoscono la forza e la volontà illimitata di Ibrahimovic. Il programma redatto con i medici e con i preparatori del Milan lo vedranno tornare a Milanello intorno all’8 luglio, quando la maggior parte della rosa si ritroverà per l’inizio del ritiro.

Niente allenamenti, partitelle o amichevoli. Ibrahimovic a luglio inizierà il piano di recupero senza alcuna fretta o azzardi. I preparatori hanno già stilato un programma tra terapie ed allenamenti individuali, senza forzare e rispettando la tabella di marcia.

L’obiettivo è uno solo: esserci per il 29 agosto, quando partirà il prossimo campionato di Serie A. Per Ibra si tratterà della decima stagione italiana della sua carriera, la quinta con la maglia del Milan. Forse l’ultima, ma per ora non ci vuole pensare, l’intenzione è quella di recuperare al meglio ed essere come al solito protagonista il prima possibile.