Turchia fuori da Euro 2020, Calhanoglu: “Siamo sconvolti”

Il centrocampista rossonero ha espresso tutto il suo dispiacere per la disfatta della sua Nazionale: ” Può essere una mancanza di esperienza”.

Calhanoglu
Calhanoglu (Getty Images)

La Turchia perdere 1-3 contro la Svizzera e chiude un Europeo completamente da dimenticare con l’ultimo posto e zero punti nelle tre partite del girone. La Nazionale del Ct Gunes non è riuscita a guadagnare neanche un punto contro Italia, Galles e Svizzera, incassando complessivamente 8 reti e segnandone solamente una, quella di oggi con Kahveci (il momentaneo 1-2).

Il centrocampista del Milan, Hakan Calhanoglu, è intervenuto a Sport Canli alla fine del match e ha espresso tutto il suo rammarico per come è andata l’avventura: “Siamo arrivati a questo torneo con grandi obiettivi, ma purtroppo non è andata come volevamo. Siamo sconvolti. Noi capitani ci assumiamo tutte le responsabilità, io, Burak, Ozan. Tutti i giocatori si assumono la responsabilità qui”.

Il centrocampista turco ha poi analizzato l’eliminazione della sua Nazionale, cercando di trovare i motivi di questa disfatta inaspettata: “Siamo una squadra molto giovane, quindi potrebbe essere una mancanza di esperienza. Abbiamo ancora il Mondiale davanti a noi e sappiamo di aver sconvolto i nostri fan, ma lo siamo anche noi. Ci scusiamo, dobbiamo imparare dai nostri errori”.


Leggi anche:


Calhanoglu, ora testa al futuro

Il centrocampista ora, come aveva detto, sarà più libero mentalmente per poter decidere il suo futuro. Il Milan gli aveva proposto in più occasioni il rinnovo, mettendo sul piatto una cifra di 4 milioni più eventuali bonus. Il turco ha un’offerta molto ricca dal Qatar e diversi interessamenti da club europei, tra cui l’Atletico di Simeone. La società rossonera in questi giorni si sta cautelando vagliando alcune alternative. Tra i nomi circolati, nel caso il turco decidesse di no rinnovare, ci sono De Paul, Zaccagni, Ilicic e la suggestione Ziyech.