Scaroni su Calhanoglu e Donnarumma: “Noi poniamo limiti, ognuno fa le scelte che vuole”

Il Patron del Milan, Paolo Scaroni ha fatto delle rilevanti dichiarazioni riguardo ai mancati rinnovi di Gianluigi Donnarumma e Hakan Calhanoglu 

Paolo Scaroni
Paolo Scaroni (©Getty Images)

Manca soltanto l’ufficialità, ma ormai, Donnarumma e Calhanoglu non sono più due giocatori del Milan. Uno al Paris Saint Germain, l’altro all’Inter; il Milan ha perso due pedine preziose a parametro zero, ma dato l’andamento delle dinamiche va più che bene così.

Il portiere e il trequartista, non convinti dalle offerte economiche del club rossonero, hanno preferito cambiare casacca e adesso si accingono a vivere una nuova esperienza. Inutile nasconderlo, è tanta la delusione per aver perso due dei giocatori chiave del gruppo di Stefano Pioli. Ma a volte, o quasi sempre, i soldi hanno la meglio. Un pò ciò che ha confermato il Presidente del Milan, Paolo Scaroni. Il patron rossonero è stato intervistato da “La Politica nel Pallone” e ha fatto il punto sui mancati rinnovi dei giocatori citati.


Leggi anche:


Scaroni non ha mostrato alcun rancore né nei confronti di Gigio né di Hakan; ha semplicemente sottolineato quanto i due giocatori fossero in cerca di esperienze più suggestive  e ovviamente  più convenienti dal punto di vista economico.

Le parole del Presidente rossonero:

Noi poniamo un limite al costo degli ingaggi dei nostri giocatori. Oltre questo limite ognuno è libero di fare quello che vuole. Abbiamo fatto un’offerta top a Gigio per quelle che erano le nostre possibilità, ma non è bastato. Ho anche letto Donnarumma voleva uscire dalla comfort zone dopo tanti anni al Milan e mi sembra cosa positiva per un professionista che si è sempre comportato benissimo. Per quanto riguarda Calhanoglu all’Inter, vale lo stesso discorso. Anche qui abbiamo fatto un’offerta molto buona, se poi lui trova altre soluzioni in cui viene pagato di più, è sempre un professionista, buon per lui. Ha fatto un ottima stagione e si è sempre comportato in modo corretto: ognuno è libero di fare le scelte che crede più giuste, da parte nostra non c’è nessuna recriminazione”

Milan e Inter: il peso a bilancio di Calhanoglu

Per il Milan, la partenza di Calhanoglu genera un sicuro risparmio. Hakan percepiva 2,5 milioni di euro netti a stagione, quindi 4,6 milioni di euro lordi. Somma che, con la sua partenza, non peserà sul bilancio 2021/22.

È bene sottolineare che per i rossoneri si tratta, però, di un’altra perdita a parametro zero dopo quella di Gianluigi Donnarumma. Nessuna monetizzazione quindi.

Per quanto concerne l’Inter, che a breve acquisirà il giocatore turco, l’accordo è stato trovato sulla base di 5 milioni netti più uno di bonus a stagione. Calhanoglu dovrebbe firmare un contratto triennale e il suo peso sul bilancio 2021/22 sarà pari a 9,25 milioni di euro lordi.

Come sottolinea Calcio e Finanza, a questa cifra potrebbero aggiungersi eventuali costi di commissioni per l’agente del giocatore, Gordon Stipic. Queste però andrebbero dilazionate in base agli anni di contratto esattamente come avviene per i costi dei cartellini.