Kjaer, uomo e leader: dalla fascia al rinnovo

Kjaer, leader indispensabile per il Milan. Il rinnovo del difensore, protagonista agli Europei con la Danimarca, deve essere una priorità al pari di quello di Kessie

Simon Kjaer
Simon Kjaer (© Getty Images)

Ancora una partita da leader per Simon Kjaer. Il difensore danese, protagonista assoluto agli Europei, è stato ampiamente promosso da tutti i quotidiani sportivi. Il 6 dato da Tuttosport appare alquanto striminzito, come dimostrano i 7 del Corriere dello Sport e de La Gazzetta dello Sport.

Simon Kjaer – come scritto – è diventato uno dei protagonisti della competizione internazionale. L’intervento tempestivo del Capitano in occasione del malore di Eriksen ha fatto sì che il mondo del calcio si innamorasse di lui.

Kjaer è diventato il capitano di tutti e ora i tifosi del Milan – il club ci sta davvero pensando seriamente – si augurano che la nuova stagione veda l’ex Palermo con la fascia al braccio.

L’addio di Gianluigi Donnarumma e quello sempre più probabile di Alessio Romagnoli ha già aperto le candidature. I compagni di squadra lo hanno già riconosciuto come uno dei capitani della squadra e Stefano Pioli non avrebbe problemi a dargli la fascia. Zlatan Ibrahimovic e Franck Kessie sono gli altri leader dello spogliatoio. Ad agosto – se davvero Romagnoli dovesse fare le valigie – ne sapremo di più. Ma non serve una fascia per essere capitani.


Leggi anche:


Priorità rinnovo

Simon Kjaer è un vero leader, fuori e dentro dal campo. E’ il compagno perfetto che guida la retroguardia e più che una fascia serve una nuova firma. L’ex Palermo e Roma, sbarcato a Milano in punta di piedi, in prestito dal Siviglia nel gennaio del 2020, ha convinto tutti gli scettici.

Si è guadagnato il riscatto e ora punta al rinnovo. Dietro alla crescita del Milan c’è tanto di Simon Kjaer e l’Europeo ha dato ancor di più prova che il club rossonero non può far a meno di un calciatore e di un Uomo, con la u maiuscola, come il danese. A breve dunque, ci aspettiamo la firma del danese (il suo contratto scade nel 2022), fondamentale tanto quanto quella di Franck Kessie.