Milan, obiettivo trequartista: nome nuovo dalla Bundesliga

I rossoneri valutano anche il profilo del 25enne dell’Eintracht. Possibile un’operazione con Hauge più soldi ai tedeschi.

Paolo Maldini
Paolo Maldini (©Getty Images)

Il Milan sfoglia la margherita e valuta tutte le ipotesi sul mercato, con l’obiettivo di rinforzare la trequarti e sostituire Hakan Calhanoglu con il profilo più adatto. Con il possibile passaggio al 4-3-1-2, il ruolo del trequartista assumerebbe inoltre un’importanza ancora maggiore, e l’innesto di un fuoriclasse si renderebbe a questo punto necessario. Attualmente il Diavolo ha il solo Krunic in grado di ricoprire il ruolo, per caratteristiche, in attesa ovviamente dell’ufficialità del ritorno di Brahim Diaz.

Fra i tanti nomi che stanno circolando in queste ore per fatidico ruolo del trequartista, se ne è aggiunto uno che proviene dalla Bundesliga. L’ipotesi nasce dal forte interesse dell’Eintracht Francoforte per il rossonero Jens Petter Hauge. Il Diavolo aveva rifiutato la prima proposta dei tedeschi per il classe ’99, ma i rapporti tra i due club sono ottimi (vedi l’operazione Andre Silva) e la trattativa potrebbe comunque andare avanti con l’inserimento di un calciatore.


Leggi anche:


Ipotesi Kamada

Ecco quindi che è spuntato il nome di Daichi Kamada, trequartista giapponese di 25 anni, titolare dell’Eintracht e nel giro della nazionale giapponese. La sua valutazione si aggira intorno ai 25 milioni di euro, ma l’operazione appare possibile solo con l’inserimento di Hauge come contropartita, che di conseguenza abbasserebbe notevolmente l’esborso. Il norvegese è infatti valutato dalla dirigenza rossonera sui 15 milioni.

Il contratto di Kamada scade nel giugno del 2023. L’Eintracht lo aveva prelevato nell’estate del 2017 dai giapponesi del Sagan Tosu per poco più di un milione e mezzo. Dopo averlo mandato a farsi le ossa in Belgio al Sint Truiden. Il centrocampista è stato riportato in Bundesliga, dove è esploso definitivamente: 32 presenze e 5 reti nell’ultima stagione. Il Milan ci pensa e aggiunge il suo nome a quelli di Vlasic, Isco e Ziyech.