Nessuno come il Milan: già investiti 60 milioni sul mercato!

Il Milan ha speso più di tutte le altre società italiane in questa sessione di mercato (finora). Segno della forza di Elliott.

La presentazione di Tomori
La presentazione di Tomori (acmilan.com)

Chi pensava che il fondo proprietario del Milan, ovvero Elliott Management Corporation, fosse soltanto interessato a rivendere bene le quote del club rossonero dovrà ricredersi. Basti guardare le cifre investite ed i numeri del mercato milanista.

Nonostante i conti recenti non ancora eccellenti nel bilancio, il Milan è una delle società italiane che si è potuta permettere negli ultimi anni investimenti imponenti per rinforzare la propria rosa. Una scelta figlia di un progetto che riguarda più aree, dal marketing al settore sportivo passando per l’espansione del brand.

Non è dunque un caso se, come sostenuto ieri da Sky Sport, il Milan è al momento la squadra di Serie A che ha speso più soldi nella sessione di calciomercato attuale. Siamo ancora a metà luglio, con un mese e mezzo che sarà pieno di trattative e colpi. Ma intanto i rossoneri non si fanno parlare dietro.


Leggi anche:


Milan, già rinforzati due reparti. E non è finita qui

Secondo un rapido calcolo, il Milan avrebbe già tirato fuori dalle proprie tasche circa 60 milioni di euro. Nessuno in Serie A (e pochissimi anche in Europa) hanno investito così tanto nel primo mese di mercato estivo. Inoltre i rossoneri non hanno speso per un paio di rinforzi di lusso, bensì hanno diviso la quota in colpi di diverso spessore ed importanza.

I colpi finora più costosi sono stati il riscatto di Fikayo Tomori, costato 28 milioni di euro, e l’ingaggio in porta di Mike Maignan dal Lille per 15 milioni (bonus compresi). A questi si è aggiunto di recente l’esborso da 7 milioni cash per trattenere Sandro Tonali dal Brescia.

Oggi verrà annunciato l’acquisto di Oliver Giroud per 1 milione di euro più un altro di bonus facilmente raggiungibili. Inoltre, entro il weekend, sembra che il Milan annuncerà la permanenza di Brahim Diaz dal Real in prestito oneroso da 3,5 milioni e l’acquisto del terzino Ballo-Touré dal Monaco, per la cifra di 4,5 milioni. In totale circa 60 milioni messi a disposizione da Elliott.

E non è finita qui. Il calciomercato Milan è solo nella fase iniziale: Stefano Pioli avrebbe bisogno anche di un altro mediano, di un terzino destro alternativo e soprattutto di un trequartista titolare. Senza perdere d’occhio le occasioni che il mercato potrà svelare a fine agosto.