Trofeo Luigi Berlusconi, le edizioni da ricordare con il Milan protagonista

A sei anni dall’ultima edizione, torna il Trofeo Berlusconi con l’inedita sfida tra il Monza e la Juventus. Dal 1991 al 2015, il Milan è sempre stato presente. Ripercorriamo alcune delle edizioni più significative

Trofeo Luigi Berlusconi
Trofeo Luigi Berlusconi (Getty Images)

 

Il Trofeo Luigi Berlusconi era l’appuntamento più atteso del calcio d’estate, la partita che, di fatto, inaugurava la nuova stagione del Milan nella settimana di Ferragosto e poco prima l’inizio del campionato. Ventiquattro edizioni dal 1991 al 2015, anno in cui Berlusconi ha deciso, di fatto, di lasciare la presidenza del club. In gran parte di esse, il Milan ha affrontato la Juventus. Oltre alle sfide con i bianconeri ci sono stati anche due Derby con l’Inter e tre sfide con club esteri ovvero Real Madrid, Bayern Monaco e San Lorenzo.

Un Trofeo che si intrecciava anche con la cabala. Negli anni dei duelli Scudetto tra Milan e Juve, infatti, è emersa la curiosa statistica stando alla quale chi avesse vinto il Berlusconi poi avrebbe perso il Tricolore, scenario che in alcune edizioni si è effettivamente realizzato.


Leggi anche 


Il Trofeo Berlusconi, le edizioni da ricordare

Cominciamo dal 1992. Il Milan ospita l’Inter davanti a 50mila spettatori. A decidere la sfida sarà un gol in avvio di Jean Pierre Papin, appena arrivato in rossonero dal Marsiglia. Sarà il primo gol al Milan dell’attaccante francese che poi andrà a segno nuovamente in campionato contro l’Inter, nel Derby di andata del campionato 92-93 vinto 2-1.

Un grande ritorno nel 1994. Nell’edizione di quell’anno, il Milan campione d’Europa affronta il Bayern Monaco. Finisce 1-0 per i rossoneri. A decidere la partita il gol di Gullit, tornato al Milan dopo una stagione alla Sampdoria. Due settimane dopo proprio Ruud segnerà ai blucerchiati un gol nella finale di Supercoppa Italiana vinta dai rossoneri ai rigori. Sarà un ritorno breve quello del campione olandese che, nel mercato di gennaio 1995, tornerà proprio alla Sampdoria per sei mesi prima del trasferimento al Chelsea.

Nel 1997, il Milan, con Capello tornato in panchina dal Real Madrid, si presenta al Berlusconi con i tanti nuovi acquisti del mercato estivo. La Juve passa in vantaggio con Conte che devia la punizione di Del Piero poi nella ripresa i rossoneri si scatenano e segnano tre gol in 8 minuti con Cruz, Weah e una splendida stoccata di Patrick Kluivert. Sembrava il preludio a un’annata memorabile che, invece, si concluderà con un mesto decimo posto in campionato e la sconfitta nella finale di Coppa Italia con la Lazio.

Nel 2003, la “rivincita” della Juventus. Dopo la sconfitta nella finale di Champions a Manchester, i bianconeri si impongono 0-2 nel trofeo Berlusconi con gol di Del Piero e Camoranesi. Una vittoria quella degli uomini di Lippi seguita a all’altra di inizio agosto in Supercoppa Italiana a New York con il successo ai calci di rigore.

Nell’agosto del 2005, Milan e Juventus si fronteggiano nuovamente nel trofeo Berlusconi a una settimana dall’inizio del campioanto. I rossoneri vincono 2-1 con Serginho e Kakà che rimontano il vantaggio di Vieira. Quella partita sarà ricordata per l’infortunio di Buffon a una spalla dopo uno scontro proprio con Kakà. Per “risarcire” i bianconeri, il Milan presta alla Juventus Christian Abbiati.

L’anno seguente, nel 2006, il Trofeo si disputa il giorno dell’Epifania con la Serie A in pausa. Il Milan vince 3-2 con gol decisivo all’86’ di Willy Aubameyang, fratello maggiore di Pierre Emerick attuale attaccante dell’Arsenal anche lui passato per le giovanili rossonere.

L’ultima edizione del Berlusconi, nel 2015, non si è disputata in estate bensì a ottobre tra Milan e Inter. I nerazzurri si imposero 1-0 con gol in avvio di Kondogbia su errore di Mexes. Non una partita indimenticabile. In porta per il Milan allenato da Mihajlovic c’era l’esordiente Donnarumma che due settimane dopo avrebbe debuttato in campionato contro il Sassuolo.