Pioli rivela: “Nel 1998 ebbi un arresto cardiaco in campo”

La rivelazione di Stefano Pioli nell’intervista concessa al Fatto Quotidiano, durante la quale ha parlato dell’episodio Eriksen.

Pioli
Stefano Pioli (foto ac milan)

Nell’intervista concessa al Fatto Quotidiano e pubblicata questa mattina, Stefano Pioli ha toccato diversi argomenti, non solo quelli legati al suo Milan. Il tecnico emiliano ripartirà con grande fiducia e con la sensazione di avere a disposizione una squadra matura e forte.

In particolare dal punto di vista caratteriale. Impossibile non pensare alla leadership di Ibrahimovic, ma Pioli oggi ha parlato con toni davvero entusiastici di Simon Kjaer. Un grande difensore sul campo, ma anche una persona di grande intelligenza.

Pioli ha voluto ricordare così l’episodio di Euro 2020, quando grazie ad un suo intervento immediato ha salvato la vita al connazionale Christian Eriksen dopo un arresto cardiaco: “Conoscevo già il valore di Kjaer, anche umanamente. È un uomo di intelligenza e sensibilità rare, e ha usato quelle qualità per salvare un amico. È stato lucido e preciso anche in un frangente così drammatico”.


Leggi anche:


Parlando di questo episodio, fortunatamente finito bene, Pioli ha ricordato quando in campo gli successe una cosa molto simile. In pochi ricorderanno che da calciatore, l’attuale tecnico milanista, subì un piccolo infarto che poteva costargli caro.

Nel 1998 ebbi un arresto cardiaco in campo, dopo uno scontro di gioco. Non ricordo nulla dell’episodio e non ebbi il coraggio di riguardare le immagini, se non molti mesi dopo” – ha rivelato Pioli. Probabilmente si riferisce ad uno dei suoi ultimi anni di carriera da calciatore, quando militava nelle categorie inferiori.

Da ricordare che Pioli anche nel 1994 rischiò grosso. Durante il match Fiorentina-Bari (giocava in maglia viola) fu colpito alla testa da un calcio fortuito di Igor Protti. Il tecnico rossonero raccontò di aver perso i sensi e di essersi svegliato solo in ospedale, dentro al macchinario per la risonanza magnetica.