Milan, colpo Berardi? L’annuncio del Sassuolo

Parla Giovanni Carnevali. L’AD del Sassuolo ha fatto il punto sul calciomercato: da Berardi – accostato al Milan – all’ex rossonero Locatelli, che piace alla Juve

Domenico Berardi
Domenico Berardi (© Getty Images)

L’Amministratore delegato del Sassuolo, Giovanni Carnevali – intervenuto ai microfoni di Sky Sport – ha fatto il punto sul mercato. Sono tanti calciatori che prima della chiusura della sessione estiva potrebbero lasciare i neroverdi.

In cima alla lista c’è sicuramente Manuel Locatelli. L’ex Milan è valutato ben 40 milioni di euro e vorrebbe giocare per la Juventus. Va trovato un accordo tra i due club che al momento non c’è.

Un altro che può lasciare Sassuolo è Domenico Berardi. In questa circostanza, tra le squadre interessate, c’è anche il Milan. L’esterno d’attacco è stato accostato con insistenza ai rossoneri ma difficilmente – viste le richieste dei neroverdi (si parla di ben 50 milioni di euro) – cambierà maglia: “Berardi è la nostra bandiera – afferma Carnevali a Sky -, la volontà è quella di continuare con lui perché ci rappresenta, Ma se arrivasse anche in questo caso un’offerta importante per noi e per il ragazzo la valuteremmo, ma il desiderio è di continuare con lui”.


Leggi anche:


Altri adii

“Siamo in una situazione tranquilla, abbiamo vari giocatori con richieste – prosegue Carnevali – la volontà è rinforzarsi perché se facciamo un sacrificio poi dobbiamo essere pronti perché non vogliamo arrivare all’ultimo momento e non essere completi, entro la fine della prossima settimana vogliamo chiudere le trattative altrimenti chiudiamo il mercato e ci prepariamo per il prossimo campionato”.

Locatelli vuole andar via – “Il desiderio del ragazzo è di andare alla Juve ma poi se si avvicina qualche altro club dovrà fare le sue valutazioni vagliando anche altre possibilità – spiega ancora – Perché non è detto che le condizioni della Juve soddisfino noi, bisogna essere d’accordo in tre altrimenti potrebbe anche rimanere al Sassuolo, perché il Sassuolo comunque vuole rinforzarsi e in un modo o nell’altro dobbiamo trovare la giusta soluzione”.