Calciomercato Milan, via alle cessione: tris di addii

Non solo Hauge e Caldara, in casa Milan si programmano altre cessioni.  I prossimi a poter lasciare il rossonero sono Castillejo, Conte e Krunic

Krunic e Hauge
Krunic e Hauge (© Getty Images)

Il calciomercato del Milan non si ferma. Questi sono i giorni degli addii: presto sia Mattia Caldara che Jens Petter Hauge non saranno più rossoneri. Come raccontato in questi giorni, il difensore passerà al Venezia con la formula del prestito. Per quanto riguarda il norvegese è pronto a vestire il rossonero dell’Eintracht Francoforte. Un affare che permetterà al Diavolo di incassare ben 12 milioni di euro.

Un’ottima plusvalenza per il Milan e soldi freschi che chiaramente verranno reinvestiti sul mercato ben presto. Ma potrebbero non essere gli unici soldi ad entrare.

Confermata l’incedibilità di Rafael Leao, che ieri, contro il Valencia, è stato autore di un’ottima prestazione. A dire addio oltre a Caldara e Hauge, dovrebbero essere Andrea Conti, Samu Castillejo e Rade Krunic.


Leggi anche:


Altri soldi

La speranza del Milan, è quella di riuscire ad incassare altri 15 milioni di euro. Difficile incassare qualcosa per il terzino, ma potrebbe arrivare un minimo indennizzo. Per quanto riguarda lo spagnolo, ci sono degli interessamenti dalla Liga: servono 8 milioni circa per lasciarlo andare.

Cifra simile per il bosniaco, ieri protagonista di una partita da dimenticare. Stefano Pioli ha dimostrato di voler puntare sull’ex Empoli ma se dovesse arrivare un’offerta importante l’addio sarebbe inevitabile.

Non parliamo di tesoretto ma è evidente che le cessioni sono utili all’interno di una sessione di calciomercato. Poi il Milan potrà dedicarsi con forza a rafforzare la trequarti. Anche la partita di ieri ha confermato che serve maggiore qualità. Brahim Diaz è stato autore di un’ottima gara ma non è bastato. Sulla destra, soprattutto, i rossoneri hanno faticato parecchio: Saelemaekers non ha ancora trovato la forma migliore. Castillejo, che molto probabilmente è tra quelli che sta meglio, non riesce però ad incidere come servirebbe. Ecco perché servono rinforzi proprio sulla destra. Un problema che il Milan si porta dietro, ormai da troppo tempo.