Hauge dal Milan all’Eintracht: la condizione per l’obbligo di riscatto

Il quotidiano tedesco Bild riferisce le condizioni secondo le quali il riscatto dell’attaccante norvegese diventerà obbligatorio.

Hauge
Jens Petter Hauge (©Getty Images)

Emergono chiarimenti per quanto riguarda una delle cessioni operate dal Milan. Qualche giorno fa è stata definita la partenza di Jens Petter Hauge, direzione Eintracht Francoforte. L’attaccante norvegese non era considerato un giocatore chiave nella rosa di Pioli e si è preferito mandarlo a giocare con maggiore continuità in Bundesliga, cogliendo l’occasione per monetizzare e finanziare quindi le ultime operazioni in entrata del Diavolo.

Inizialmente c’era distanza nella trattativa: tra domanda e offerta ballavano circa 5 milioni. Nonostante questo ostacolo iniziale alla fine Maldini è riuscito a trovare l’accordo e a piazzare il 22enne alla cifra inizialmente richiesta.


Leggi anche;


L’obbligo scatta con la salvezza

La formula dell’operazione è la seguente: prestito con diritto di riscatto, fissato a 12 milioni di euro, che diventa obbligo al raggiungimento dei determinate condizioni. La Bild ha reso poi note queste effettive condizioni, che stabiliranno se l’Eintacht dovrà pagare per forza questa cifra. Secondo quanto riferito dal quotidiano tedesco infatti questo obbligo scatterà non appena il club allenato da Glasner avrà conquistato la salvezza matematica.

Si tratta ovviamente di una condizione ampiamente realizzabile, dal momento che l’Eintracht rappresenta uno dei club di livello maggiore in Germania, che lo scorso anno ha chiuso al quinto posto, sfiorando anche l’approdo in Champions League. I rossoneri possono quindi dirsi tranquilli di incassare la cifra il prossimo anno, e nel frattempo possono concentrarsi sul mercato in entrata, al termine del quale mancano poco più di due settimane.