Pellegri: “Al Milan per riscattarmi. Voglio imparare da Ibra e Giroud”

Il Milan oggi alle 13:45 presenta ufficialmente Pietro Pellegri, attaccante classe 2001 arrivato in prestito dal Monco.

Pellegri
Pellegri (foto AC Milan)

Oggi il Milan presenta ufficialmente il suo ultimo colpo di mercato. Pietro Pellegri, giovane attaccante classe 2001, arrivato con la formula del prestito dal Monaco. Sarà lui la cosiddetta terza punta della rosa di Stefano Pioli, utile nelle rotazioni offensive.

Pellegri, ex talento del Genoa, parlerà alla stampa alle ore 13:45 di oggi, rispondendo così alle domande sulle prime impressioni in rossonero e sugli obiettivi personali. Seguite il LIVE della conferenza stampa da Milanello direttamente sul nostro sito.


Leggi anche:


Le prime parole di Pellegri da calciatore del Milan

Si comincia dal debutto di Pellegri, quel gol contro la Roma a 16 anni: “Ho fatto importanti esperienze, ma ora il futuro è in discesa, anche se a Monaco non sono stato fortunato. Sono qui a Milanello, ho trovato un ambiente familiare, una struttura dove c’è tutto per pensare solo al calcio”.

Il rapporto con Ibrahimovic e Giroud: “Un sogno giocare con questi attaccanti. Sono qui per migliorare guardando questi campioni. Incrociare Ibra è magnifico, è il mio idolo da quando ero piccolo. Quando l’ho salutato ieri è stato stupendo. Il numero 64? E’ l’anno di nascita di mio padre Marco”.

Arrivi al momento giusto al Milan? “Sicuramente arrivo con la voglia di riscattarmi, far vedere che valgo e ripagare la fiducia della società”.

I consigli del papà e di Ibra: “Ibrahimovic mi può solo che stimolare con l’allenamento, posso imparare tutto da lui, c’è sempre da imparare. Mio padre si è commosso, è normale quando trasmetti la passione a tuo figlio. Quando debuttai si emozionò molto”.

Rifaresti la scelta del Monaco? “Si, la rifarei, perché è stata un’esperienza formativa, sono cresciuto sotto tanti punti di vista. Al Genoa è stata casa mia. A Monaco tutto è stato formativo. Il Milan sarà un sogno“.

Gli obiettivi personali: “Voglio fare di tutto per convincere la società e trattenermi anche in futuro. Gli infortuni? Arrivano, sono stato sfortunato e mi hanno frenato. Ora ho solo cose positive in testa”.

Le parole di Pioli a livello tattico: “Si aspetta determinazione, voglia di lavorare, che sia a disposizione della squadra. Io lo sono, ho voglia di crescere e sono a disposizione”.

Ti sei prefissato dei numeri? “No, io devo scendere in campo. Dando il massimo poi i risultati arrivano. Sarò soddisfatto se raggiungeremo insieme gli obiettivi massimi della società”.

Le aspettative dei tifosi rossoneri: “Voglia di lavorare e determinazione. Io ho solo voglia di far bene e convincere tutti a farmi rimanere al Milan”.

L’ipotesi della Nazionale maggiore: “Sicuramente è un sogno, che poi possa diventare un obiettivo non lo nascondo. Tutto arriva lavorando con determinazione e voglia di crescere”.

Il rapporto con Giroud: “Un giocatore che ha vinto tutto, Champions e Mondiale. Mi può aiutare moltissimo, posso allenarmi con lui guardandolo e allenandomi per migliorare”.