Faivre, il Brest: “Delusi dall’atteggiamento”. Poi l’avviso al Milan

Il direttore sportivo del club francese ha parlato del comportamento del calciatore e della trattativa col Milan: “Non facciamo sconti”.

brest
Il Brest (Getty Images)

La trattativa tra il Milan e il Brest per Romain Faivre è nel pieno del suo svolgimento ma l’atteggiamento del giocatore di non presentarsi per la sfida contro lo Strasburgo non ha facilitato le cose. Prima del match sono arrivate le importanti parole del direttore sportivo del Brest Gregory Lorenzi in merito alla questione: “Siamo rimasti molto sorpresi quando ieri, al raduno per partire per Strasburgo, il giocatore ci ha comunicato che non sarebbe partito con noi. Il motivo è che vuole andare via e ha deciso di non voler correre rischi che potrebbero compromettere la trattativa con un club (il Milan ndr). Oggi il Brest prende atto della sua scelta e reagirà prendendo una decisione e delle sanzioni contro Faivre: è un comportamento non corretto nei confronti dei suoi compagni. Rifletteremo su come agire ma non staremo fermi”.

“Siamo delusi ma posso comprendere che quando un giocatore è coinvolto in una trattativa ciò può condizionare il suo stato d’animo. Ma c’è un allenatore e un direttore che gestiscono le cose e se ne può discutere. Abbiamo la sensazione di essere stati presi in ostaggio. Tutto ciò non resterà senza conseguenze”.


Leggi anche:


Lorenzi (ds Brest): “Non facciamo sconti”

Il ds del club francese ha proseguito in merito alla trattativa con il Milan: “Se può rimanere al Brest? Sì. Non ho alcun problema se qualcuno vuole andare via, ma dobbiamo rimanere concentrati sulle offerte che siano in linea con la situazione economica del club. Ribadisco che non siamo qui a fare sconti e con questo atteggiamento non siamo soddisfatti. Non ci sono giocatori che decidono, ma solamente il club”.

Abbiamo rifiutato un’offerta del Milan, ma mancano ancora 48 ore e ci sono trattative in corso, però siamo lontani. Non possiamo reagire di pancia, anche se il suo atteggiamento potrebbe influire sulla trattativa. Ci penseremo dopo la partita”.