Milan, Baresi crede in questa squadra: “Vogliamo dimostrare chi siamo”

L’ex capitano rossonero nonché attuale vicepresidente onorario del club Franco Baresi ha parlato di questo Milan e di Ibra ai microfoni di Sky

Baresi
Franco Baresi (©Getty Images)

Franco Baresi ha passato una vita insieme al suo Milan. Da pochi giorni ha presentato il suo libro, “Libero di sognare”, in cui ripercorre tutta la sua vita fin da piccolo, passando per la perdita dei genitori in età adolescenziale con il Milan che gli ha salvato la vita.

Nessuno più di Baresi e Maldini potrebbe reincarnare meglio il significato di “vivere una vita con la maglia del Milan addosso”. Franco, la cui maglia numero 6 è stata ritirata dopo il suo addio al calcio, ancora oggi è legato ai colori rossoneri tanto da rivestire la carica di vicepresidente onorario di questa società.


Leggi anche:


Baresi a Sky: “Questo Milan se la giocherà”

Intervistato ai microfono di Sky, Franco Baresi ha parlato del Milan attuale e la differenza con quello di qualche stagione fa: “Questa squadra è cresciuta in modo esponenziale, soprattutto negli ultimi due anni” – afferma Baresi – “Tutti i calciatori sono consapevoli dei propri mezzi e sono convinti che se la possono giocare con tutti, sia in Italia che in Europa.

Su Ibra“E’ incredibile il fatto che diventi sempre più determinante col passare dell’età. E’ importante avere tutta la rosa al completo per i tanti impegni ravvicinati: abbiamo bisogno di tutti. Sappiamo Zlatan quanto possa dare sia in campo che fuori, aiutando i più giovani. La sua presenza qui è fondamentale”.

Baresi è convinto che questo Milan ci farà divertire: “Nella scorsa stagione abbiamo disputato un ottimo campionato, ed è arrivato il momento di misurarci anche in ambito europeo contro club più blasonati in questo momento. Abbiamo fame e voglia di dimostrare chi siamo”. Parole che fanno sperare in positivo i tifosi del Milan, da troppi anni ormai delusi ma che adesso possono tornare a sognare con le magiche notti di Champions League che mancavano da troppi anni.