Nuovo San Siro, Sala: “Stadio ok, firmerei domani. Ma il resto…”

Beppe Sala, sindaco di Milano, è favorevole al nuovo stadio di Milan e Inter. Ma su cosa sorgerà attorno ha un atteggiamento di cautela.

Sala Beppe
Giuseppe Sala (©Getty Images)

Le elezioni comunali a Milano hanno un po’ bloccato l’iter che dovrebbe portare Milan e Inter a realizzare il nuovo stadio in zona San Siro. Tuttavia, entrambi i club sono fiduciosi sull’ottenimento del via libera definitivo nei prossimi mesi.

Paolo Scaroni, presidente rossonero, di recente ha dichiarato di essere molto ottimista. Le due società hanno corretto il piano iniziale assecondando le varie richieste dell’amministrazione. Sono state fatte alcune rinunce, come la non demolizione del Giuseppe Meazza e la riduzione dell’area commerciale, però anche il progetto rivisto porterà enormi vantaggi.


Leggi anche:


Nuovo stadio Milan-Inter: parla ancora il sindaco Sala

Giuseppe Sala è tornato a esprimersi sull’argomento stadio e ha ribadito la propria posizione, ormai abbastanza chiara: «L’impianto vale il 45% dell’investimento, non di più. Il resto riguarda ciò che sorgerà attorno allo stadio: hotel, residenze, servizi… Prima dell’autorizzazione bisogna capire se è inseribile in un contesto in cui si valorizzi una piccola parte e non si abbia intorno il solito disastro».

Il sindaco di Milano non ha alcun dubbio sullo stadio, ma sull’area che nascerà attorno utilizza cautela: «Per lo stadio delle squadre firmerei domattina. Quando si parla del resto, però, pongo un po’ di cautela. Siccome parliamo di un quartiere delicato, se fai la prima mossa e la sbagli è un casino».

Le elezioni comunali a Milano sono a inizio ottobre, vedremo che giunta ne uscirà fuori e se i club potranno andare fino in fondo con il progetto del nuovo stadio a San Siro. Non rimane che attendere ormai.