Liverpool-Milan, la moviola: mani di Bennacer, è rigore. Rebic-Salah, gol regolari

Gli episodi da moviola di Liverpool-Milan, diretta dal signor Marciniak ed iniziata alle ore 21 ad Anfield Road.

Mohamed Salah (Getty Images)

Gara tosta, complessa, ricca di emozioni quella di oggi tra Liverpool e Milan. Le due rivali storiche tornano questa sera ad incontrarsi in Champions League, nella prima gara della fase a gironi. Un match vivo fin dai primissimi minuti.

L’arbitro polacco Marciniak ha già un bel da fare nei primi minuti. Poco dopo il gol del vantaggio inglese di Alexander-Arnold, il fischietto concede un rigore al Liverpool su cui il Milan ha protestato non poco. Deviazione di braccio di Bennacer in area rossonera su cross di Robertson.

Mani che però appare netto alla moviola, così come il rigore concesso ai padroni di casa. Pochi dubbi dunque sull’assegnazione del penalty, parato poi da un super Maignan a Salah, che grazia il Milan calciando non benissimo dagli undici metri.


Leggi anche:


Il Milan trova il pareggio al 42′ minuto con una splendida azione tutta in rapidità. Rebic sull’assist di Leao è in posizione regolare, nonostante il controllo del VAR in postazione. Il croato parte alle spalle dei due difensori centrali Matip e Gomez prima di concludere col sinistro per il momentaneo 1-1.

Idem nell’azione successiva che ha portato il Milan in vantaggio. Azione fotocopia di ripartenza, con Leao che serve anche qui Rebic al momento giusto. Posizione decisamente regolare del croato, che poi riuscirà a dare il là al tap-in vincente di Brahim Diaz.

Nella ripresa il Milan inizia fortissimo e va anche in gol con Kjaer, ma giustamente l’arbitro Marciniak e gli assistenti annullano per fuorigioco. Prima di crossare in area Theo Hernandez è in fuorigioco di almeno mezzo metro, dunque vanifica la deviazione vincente del danese.

Al 48′ Salah trova il gol del 2-2. Lo scavetto di Jota per l’egiziano arriva coi tempi giusti, il numero 11 del Liverpool sembra in là con la spalla ma i replay mostrano come Calabria lo tenga in gioco.