Maignan non ci sta: “Bisogna lottare contro il razzismo, basta parole”

Lo sfogo del portiere rossonero Mike Maignan, che dice la sua sui cori razzisti ricevuti in Juventus-Milan con una nota pubblicata su Twitter

Maignan Mike
Mike Maignan (foto AC Milan)

#ForzaMike: è questo l’hashtag che sta spopolando negli ultimi minuti sui social network, dopo che Mike Maignan ha pubblicato un post in cui condanna fermamente ciò che è successo all’Allianz Stadium e chiede alle istituzioni di intervenire con forza per far sì che queste situazioni non si verifichino più.

Una bellissima lettera quella scritta dal nostro super portiere, entrato già nel cuore dei tifosi rossoneri per la sua sfrontatezza oltre che per le qualità tecniche eccellenti. Bisogna ricordare anche che l’autore del gesto è stato allontanato dallo Juventus Club di cui faceva parte: adesso siamo in attesa di provvedimenti anche più importanti.


Leggi anche:


Lo sfogo di Mike Maignan sui social

“Nella partita contro la Juventus a Torino alcuni tifosi bianconeri mi hanno insultato per il colore della mia pelle”. Comincia così la lettera scritta e pubblicata da Mike“Finché questi eventi verranno trattati come episodi isolati e non si interverrà in maniera forte e decisa, continueranno ad esserci ancora per molto tempo”.

L’elogio al suo club, il Milan“Faccio parte di una società che si batte fortemente e lotta contro ogni tipo di discriminazione, ma questo non basta. Coloro che sono a capo del calcio, sanno cosa significhi venire presi di mira per il colore della propria pelle?”.

Poi Maignan conclude con una frase di fierezza: “Non mi sento vittima del razzismo. Sono semplicemente Mike, un uomo fiero di quello che è. Fino a quando avremo la possibilità di far sentire la nostra voce lo faremo, senza fermarci!”.