Milan, senti Leonardo: “Mai spinto per avere Donnarumma a zero”

L’intervento di Leonardo, ex allenatore e dirigente del Milan, attualmente al Paris Saint-Germain, durante il Festival di Trento

Milan e Psg su Zaha
Leonardo (©Getty Images)

E’ stata tutto un odio e amore la storia tra Leonardo e il Milan. Il brasiliano è stato con i rossoneri da allenatore e dirigente, in mezzo anche una parentesi nell’Inter che ha fatto infuriare i tifosi rossoneri e adesso il ruolo societario importante al Psg.

Lui ha sempre amato il Milan, ma il pubblico milanista non ha accettato diversi suoi comportamenti. Intervenuto al Festival di Trento, Leonardo ha parlato anche di Maldini, Donnarumma e del suo passato glorioso con il Milan, rinnegando anche di aver strappato via Gigio al diavolo.


Leggi anche:


Leonardo: “Felice per Maldini, rappresenta il Milan”

Ecco le parole di Leonardo in merito a Maldini e DonnarummaPaolo si merita tutto questo, e soprattutto il Milan aveva bisogno di lui. Rappresenta in tutto e per tutto il club rossonero. Donnarumma? Mi rendo conto che per i milanisti sia una situazione difficile da accettare, ma noi non abbiamo mai contattato Gigio prima che scadesse il suo contratto. Abbiamo prima aspettato qualche mossa del Milan, che però ha preso Maignan. A quel punto abbiamo parlato con il portiere italiano, ma non gli abbiamo mai chiesto di non rinnovare per venire da noi a parametro zero.

Poi un tuffo nel passato, ricordando i tempi in cui allenava i rossoneri: “Il mio 4-2-fantasia nel 2009 lo ricordo ancora molto bene, è uno slogan creato da Galliani. In realtà non avevo molta voglia di allenare, mi piace di più fare il dirigente. Però la società scelse me perché serviva qualcuno che conoscesse l’ambiente. Quel famoso 4-2-fantasia ci portò a vincere al Bernabeu contro il Real Madrid, facevo giocare insieme Pato, Ronaldinho, Seedorf e Inzaghi: che meraviglia”.