Ag. Kessie: “Merita un contratto all’altezza. Mai parlato con l’Inter”

Le parole di George Atangana, agente di Franck Kessie, che fa il punto sulla situazione del centrocampista rossonero.

La questione che tiene maggiormente banco in casa Milan, a livello contrattuale, è certamente quella di Franck Kessie. L’ivoriano è in scadenza a giugno 2022 e finora non è ancora arrivato un principio di accordo per rinnovare.

Franck Kessie
Franck Kessie (©Getty Images)

E’ dunque forte il rischio per il Milan di perdere ancora una volta un titolarissimo a parametro zero, per scadenza naturale del suo contratto. Nonostante Kessie abbia detto spesso di stare bene a Milanello, finora non si è ancora raggiunto un accordo.

Oggi il portale Calciomercato.com ha interpellato il suo agente George Atangana. Personaggio molto contestato in casa Milan, visto che è considerato lui l’artefice delle richieste esose per il rinnovo di Kessie. Il procuratore ha svelato oggi le proprie verità.


Leggi anche:


Atangana esclude l’ipotesi Kessie-Inter

Atangana esordisce in modo un po’ polemico, soprattutto per come i media ed i tifosi stanno reagendo al finora mancato rinnovo di Kessie: “C’è molta confusione mediatica in merito al rinnovo di Kessie con il Milan. Non mi sembra di vedere lo stesso approccio verso trattative simili a questa: ci sono calciatori in scadenza all’Inter, al Marsiglia, al Napoli, al Moenchengladbach, al Torino e in altri club, ma non se ne sta parlando con la stessa energia. Qualche giocatore in scadenza, mi è parso di leggere, che lo stia trattando a sua volta anche il Milan…”

Sulle cifre del rinnovo: “Per un calciatore importante, serve sempre un contratto all’altezza. C’è stata un’offerta ufficiale da parte del Milan e una richiesta da parte dell’agente, ma parliamo di cifre molto lontane rispetto a quelle cui si fa riferimento (6,5 milioni di euro ndr)”.

Infine la verità sull’opzione Inter: “Un calciatore del calibro di Franck non ha bisogno di essere proposto a nessuno. E comunque non ho mai parlato con l’Inter”.