Milan, Ibrahimovic c’è: si scalda per la Champions

Zlatan Ibrahimovic è la buona notizia di ieri a Milanello: rientro in gruppo e possibile maglia da titolare martedì.

In una settimana in cui è successo di tutto dal punto di vista medico, il Milan aveva bisogno di una buona notizia per guardare con ottimismo ai prossimi impegni. Dopo gli infortuni occorsi ad alcuni elementi rilevanti nei giorni scorsi, arriva la conferma di un rientro imminente.

Zlatan Ibrahimovic
Zlatan Ibrahimovic (acmilan.com)

Ieri Zlatan Ibrahimovic è finalmente tornato a lavorare in gruppo. L’infiammazione al tendine d’achille è ormai un lontano ricordo, con lo svedese che ha preso parte regolarmente all’allenamento. Una notizia straordinaria per Pioli, che almeno ritrova uno dei suoi leader assoluti.

Per Ibra l’inizio di stagione è finora letteralmente stato un tormento. Ha ritrovato il campo solo a settembre inoltrato (contro la Lazio) dopo l’operazione al ginocchio in estate. Ma si è fermato subito dopo per via di quest’ultimo stop muscolare. Ora però sembrano maturi i tempi del rientro a pieno regime.


Leggi anche:


Ibra punta il Porto, Giroud titolare con il Verona

Ma quando rientrerà in campo Ibrahimovic? Molto dipenderà dalla condizione che lo svedese rivelerà nella rifinitura di oggi. Alle ore 14 mister Stefano Pioli parlerà in conferenza stampa e svelerà ufficialmente i piani per riportare l’attaccante tra i titolari.

Come scrive la Gazzetta dello Sport, sembra tutto già scritto. Ibrahimovic sarà pronto ed arruolabile dal 1′ minuto martedì prossimo, quando il Milan sfiderà il Porto in Champions League. Lo svedese non ha ancora debuttato in questa competizione e la sfida del ‘Do Dragao’ dovrebbe essere l’appuntamento designato.

Sabato contro l’Hellas Verona Ibra potrebbe al massimo accomodarsi in panchina. Al centro dell’attacco Pioli ritroverà un altro vecchio acciaccato come Olivier Giroud, che da una settimana è tornato in gruppo ed intende rimettersi in gioco dopo i tanti problemi fisici recenti.

Una staffetta offensiva di grande lusso. Almeno in attacco Pioli può dormire sonni tranquilli, l’unico reparto in cui durante quest’ultima sosta per le Nazionali non ha perso alcun elemento, bensì ne ha ritrovati ben due.