Supercoppa Italiana, maxi offerta dall’Arabia Saudita: cifre e dettagli

L’Arabia Saudita vuole ancora la finale di Supercoppa Italiana: grande offerta alla Serie A.

Il fatto che la partita valida per la Supercoppa Italiana si disputi all’estero non piace ai tifosi, però per ragioni economiche la Lega Serie A valuta le varie opportunità. Comanda il dio denaro, non è una novità.

Supercoppa Italiana
Supercoppa Italiana (©Getty Images)

L’Arabia Saudita vorrebbe rinnovare l’accordo per far giocare il match ancora sul proprio suolo. La Supercoppa Italiana è sta messa in palio nel Paese asiatico sia nel 2018 (a Gedda) che nel 2019 (a Riad), anche l’ultima edizione della competizione si giocherà lì. Il 22 dicembre saranno Inter e Juventus a contendersi il trofeo.


Leggi anche:


Arabia Saudita, 200 milioni e cambio format per la Supercoppa Italiana

Intanto Milano Finanza fa sapere che c’è una nuova offerta dall’Arabia Saudita per assicurarsi le prossime sei edizioni. Un contratto 3+3 per un totale di circa 200 milioni di euro. Una proposta decisamente superiore a quella formulata anni fa, che prevedeva 20 milioni più bonus per tre edizioni. Difficile rimanere indifferenti a questo quantitativo di denaro.

Ma l’Arabia Saudita chiede alla Serie A anche un cambio di format. Finora il trofeo se lo sono giocato il club vincitore della Serie A e la quello vincitore della Coppa Italia. I sauditi vogliono una sorta di Final Four, con quattro squadre in gioco. Andrebbero aggiunte la seconda del campionato e la seconda finalista della Coppa Italia. In questo modo si andrebbero a disputare tre gare: due semifinali e la finale. Verrebbe ripreso il modello già utilizzato per la Supercoppa di Spagna.

L’offerta araba è vincolata a questo cambio di format che la Serie A deve accettare per poter ricevere tutti i soldi offerti. Dalla stagione 2022/2023 la competizione prenderà il nome di EA Sports Supercup e potrebbe prevedere questa novità, se la Lega la accetterà. Nelle prossime settimane ci sarà un confronto tra i club per prendere una decisione.