Pioli: “Orgoglioso della mia squadra. Castillejo? Un esempio per tutti”

Stefano Pioli ha parlato ai microfoni di Sky Sport nel post partita di Milan-Verona, gara terminata sul risultato di 3-2 in favore dei rossoneri

Stefano Pioli può ritenersi soddisfatto al termine di Milan-Verona. Dalla stagione ’94-’95 i rossoneri non totalizzavano 22 punti nelle prime 8 gare di campionato.

Pioli Milan-Verona
Pioli Milan-Verona (©Getty Images)

Ecco le parole del tecnico rossonero a fine gara: “Sono orgoglioso della mia squadra, del suo carattere. Nel primo tempo il Verona era più pronto di noi, sulle seconde palle e sui duelli. La reazione che abbiamo avuto però è stata incredibile. Ci abbiamo messo più intensità, è stata una grande prova di maturità. Per ottenere un grande obiettivo bisogna pensare in piccolo, ovvero guardare partita per partita. Ora testa alla Champions”.

Sulla grande prova di un calciatore in particolare: “Castillejo deve essere preso da esempio. Le mie scelte lo hanno penalizzato ma ha sempre lavorato bene. E’ integrato alla grande nel gruppo, sono felice che tutti i ragazzi che chiamo in campo si mettano a disposizione per la squadra”.


Leggi anche:


Pioli: “Rigore Verona? C’era fallo su Bennacer”

Continua così Pioli: “E’ vero che abbiamo tanti giocatori out, ma il club mi ha messo a disposizione tanti calciatori e quindi posso gestirli al meglio. Calabria è stato devastante e intelligente. Si vede che è nato come centrocampista, si muove bene in mezzo al campo. Avere queste soluzioni è importanti. Tutti i miei ragazzi hanno caratteristiche diverse”.

Moviola e giudizio su Ibrahimovic: “Sul rigore per il Verona c’era un fallo netto in precedenza su Bennacer. Questo non cancella il fatto che loro abbiano vinto più duelli nel primo tempo. E’ una vittoria importantissima ma che come tutte le altre vale tre punti. I tifosi ci hanno dato quello sprint in più per completare la rimonta. Il campionato è difficile, tante squadre lottano per le prime posizioni. Pensiamo una partita alla volta, poi si vedrà. La presenza di Zlatan è fondamentale e lo ha fatto vedere in pochissimi minuti. Spero possa tornare al top nel minor tempo possibile”