Maresca bocciato dall’AIA: sospensione dopo Roma-Milan

Possibile stop all’arbitro Maresca, che ieri è stato molto discusso per la sua direzione durante Roma-Milan 1-2.

Una cosa è certa: l’arbitraggio del signor Fabio Maresca ieri sera in Roma-Milan ha fatto scontenti tutti. Giallorossi e rossoneri puntano il dito contro la direzione sconsiderata e spesso poco lucida del fischietto napoletano.

Fabio Maresca
Fabio Maresca (©LaPresse)

Maresca ha fatto infuriare José Mourinho e la sua Roma sia nell’episodio del rigore concesso al Milan, sul contatto Ibanez-Ibrahimovic, sia nel finale quando i giallorossi hanno richiesto un penalty per presunto fallo di Kjaer su Pellegrini.

Non contenta neanche la formazione di Stefano Pioli, per l’espulsione di Theo Hernandez nata da un fallo precedentemente non segnalato su Krunic. Inoltre a tempo scaduto c’era anche un possibile rosso diretto al romanista Veretout.


Leggi anche:


Rocchi non approva l’arbitraggio di Maresca

La direzione di ieri all’Olimpico è passata al vaglio dell’AIA, in particolare del designatore Gianluca Rocchi. L’ex arbitro, almeno secondo Sky Sport, è rimasto particolarmente scontento dell’atteggiamento di Maresca, non solo per i tanti episodi dubbi ma anche per il piglio utilizzato.

Rocchi si sarebbe detto contrariato per le decisioni determinanti non così lineari prese da Maresca. Ma anche per i tanti cartellini assegnati e gli innumerevoli falli fischiati a spezzare il ritmo gara. Per questo motivo è molto probabile una sospensione per l’arbitro classe ’81, il quale potrebbe restare a casa nei prossimi turni di Serie A e B.

Maresca dunque si conferma il peggiore in campo di Roma-Milan. L’arbitro napoletano già lo scorso anno fu ampiamente contestato da più di una società italiana. Indimenticabile lo sfogo di Antonio Conte ai suoi danni nel finale di Udinese-Inter o le proteste della Roma per un rigore netto non concesso contro il Sassuolo.