Cori razzisti contro Ibrahimovic e Kessie: il Giudice Sportivo punisce la Curva Sud

Il giudice sportivo punisce la tifoseria giallorossa a seguito dei cori razzisti indirizzati ai due calciatori del Milan.

Il match di domenica scorsa all’Olimpico fra Roma e Milan ha fatto parlare per tanti motivi, dall’arbitraggio alla prova di forze dei rossoneri. Un altro tema della serata sono stati i cori dei tifosi giallorossi all’indirizzo di alcuni calciatori rossoneri.

Gol di Ibrahimovic in Roma Milan
Gol di Ibrahimovic in Roma Milan (©LaPresse)

Il successo del Diavolo a Roma è stato firmato da due dei giocatori più rappresentativi della squadra di Pioli, ovvero Zlatan Ibrahimovic e Franck Kessie. I due fuoriclasse sono stati protagonisti di una prestazione di altissimo livello, nonostante siano stati ripetutamente beccati dal pubblico avversario. Si è parlato infatti di cori razzisti contro il centrocampista ivoriano e di insulti verso il gigante svedese, chiamato “zingaro”.

A tal proposito non è però mancato stavolta l’intervento del giudice sportivo, che ha infatti sanzionato con un turno di chiusura la curva Sud romanista, come si apprende dal comunicato ufficiale: “Delibera di sanzionare la Soc. Roma con l’obbligo di disputare una gara con il settore denominato “Curva Sud” privo di spettatori. Pena sospesa per il periodo di un anno ai sensi dell’art. 28 comma 7 CGS con l’avvertenza che, se durante tale periodo sarà commessa analoga violazione, la sospensione sarà revocata e la sanzione sarà aggiunta a quella inflitta per la nuova violazione”.


Leggi anche:


Questi episodi purtroppo non rappresentano un caso isolato e il giudice sportivo ha deciso di punire in modo esemplare la tifoseria giallorossa, con la speranza che tali episodi non si ripetano nuovamente.