Intervista Faivre, non solo Brest: anche il Milan in “imbarazzo”

Secondo quanto riportato da Calciomercato.com, il club rossonero non si aspettava le parole del talento francese e avrebbe fatto un passo indietro.

Ci sono ancora novità in merito alla telenovela Romain Faivre. Il giocatore del Brest viene definito da tempo come l’obiettivo numero uno del Milan per la trequarti ma il suo futuro rimane un’incognita.

Faivre
Romain Faivre (foto Twitter)

Nei giorni scorsi sono arrivate dichiarazioni importanti da parte del classe ’98 in chiave Milan: “Mi riconosco nel gioco di Pioli, nella volontà di fare bel gioco per vincere”. Parole un po’ azzardate a questo punto della stagione. Secondo quanto riportato da Brest on Air, l’intervista del trequartista francese a La Gazzetta dello Sport non era stata autorizzata dal Brest. La situazione avrebbe quindi imbarazzato il club bretone, nonché, secondo Calciomercato.com, lo stesso Milan. Il 23enne ha parlato al quotidiano praticamente da giocatore del Milan, come se la trattativa fosse ormai chiusa, e questo ha complicato un po’ le cose.

Effettivamente nelle prossime settimane la trattativa potrebbe riaprirsi concretamente, tuttavia al momento non è in stato avanzato, almeno non al punto da giustificare quel tipo di dichiarazioni alla stampa. In estate l’affare era veramente ad un passo, con tanto di viaggio prenotato tre giorni prima della fine del mercato, ma alla fine il tutto era naufragato e i rossoneri avevano deciso di puntare sul brasiliano del Crotone Junior Messias.


Leggi anche:


Faivre, passo indietro del Milan

Calciomercato.com conferma che l’interesse di Frederic Massara per il talento della Ligue 1 è ancora vivo, ma che allo stesso tempo il club rossonero sta valutando anche altri profili. Questa intervista avrebbe particolarmente infastidito la dirigenza del Diavolo, che a questo punto si è presa dei giorni per riflettere sull’affare.

Non è la prima volta che il talento mette a rischia l’operazione con il Milan. In estate infatti il Brest si era infuriato con il giocatore dopo la sua decisione di non mettersi a disposizione del suo allenatore. Manca comunque ancora più di un mese all’inizio del mercato invernale e qualsiasi sviluppo è ancora possibile, in una direzione o nell’altra.