Rinnovo Romagnoli, il Milan incontra Raiola: la situazione

Incontro ormai programmato per valutare il futuro del capitano rossonero Alessio Romagnoli, in scadenza a giugno 2022.

Periodo molto particolare in casa Milan, soprattutto per la programmazione del futuro del club. Con il mercato ancora chiuso, si inizia a fare sul serio sul fronte rinnovi.

Alessio Romagnoli
Alessio Romagnoli (©LaPresse)

Nelle scorse settimane il club ha ufficializzato i prolungamenti di elementi come Kjaer e Saelemaekers, ma le questioni più delicate stanno per essere forzatamente affrontate.

Una di queste riguarda il capitano Alessio Romagnoli. Il difensore classe ’95 è uno degli elementi della rosa in scadenza a giugno 2022, dunque entro la fine della stagione in corso. Una situazione delicata che però potrebbe iniziare a smuoversi.


Leggi anche:


Incontro a breve per Romagnoli, nessuna novità sul fronte Kessie

Secondo gli aggiornamenti del cronista Fabrizio Romano, sarebbe già stato programmato un nuovo meeting in sede tra i dirigenti del Milan e il noto agente Mino Raiola, che da qualche tempo gestisce gli interessi lavorativi dello stesso Romagnoli.

Un incontro che servirà innanzitutto a valutare le possibilità di un rinnovo contrattuale. Il Milan, che già concede al difensore romano circa 5 milioni netti a stagione, è intenzionato a non lasciarlo partire a costo zero. Ma servirà uno sforzo a livello economico di Romagnoli e del suo entourage.

Situazione delicata proprio in questo senso, visto che Raiola è personaggio rinomato per non lasciare mai nulla al caso e soprattutto pretendere il massimo in termini economici per i propri assistiti. Ma potrebbe anche spuntarla la volontà di Romagnoli, che al momento si trova bene a Milanello e non intende cambiare aria.

Romano inoltre ha dato altri due aggiornamenti sul fronte rinnovi in casa Milan. In primis, non vi sarebbero novità su Franck Kessie, altro caso altamente spinoso. Inoltre a breve dovrebbe essere annunciato il prolungamento del tecnico Stefano Pioli, che firmerà fino al 30 giugno 2024, come conferma dell’ottimo rapporto con la dirigenza e l’ambiente milanista.