Fiorentina-Milan, le pagelle della Gazzetta: scossa Leao, Gabbia ingenuo

I voti e le pagelle assegnate dalla Gazzetta dello Sport ai calciatori del Milan, scesi in campo ieri sera contro la Fiorentina.

Pesano moltissimo gli errori individuali e le incertezze nella valutazione della prova di ieri del Milan, che per la prima volta in campionato è uscito sconfitto.

Leao
Rafael Leao (©LaPresse)

Una gara combattuta contro la Fiorentina. Ma mai come in questo caso sono state determinanti le scelte individuali, le prestazioni dei singoli e gli errori commessi all’interno di un match al cardiopalma fino all’ultimo.

Come di consueto la Gazzetta dello Sport ha pubblicato stamane voti e pagelle dei calciatori del Milan, coloro che sono scesi in campo al ‘Franchi’. Ma stavolta la media è piuttosto insufficiente.


Leggi anche:


I promossi in casa Milan

Molto pochi i calciatori della banda Pioli che dopo ieri sera possono meritarsi voti positivi. Ovviamente su tutti c’è Zlatan Ibrahimovic, premiato con un 7 in pagella. E’ l’uomo che a suon di reti tiene a galla il Milan e suona la carica, anche se pesano un paio di errori sotto porta nel primo tempo non da lui.

Positivo anche Rafael Leao, elemento chiave per il gioco di Pioli. Voto 6,5 al portoghese che è impreciso in fase conclusiva ma diventa letale quando parte sulla corsia mancina.

Sufficienti (voto 6) invece Kalulu, che poteva restare in campo anche qualche minuto in più, e Kessie che in mezzo al campo appare l’unico a tappare i buchi ed aiutare una difesa stranamente ballerina.

I bocciati del Milan: male Tatarusanu e Gabbia

Tanti invece i calciatori sotto la sufficienza. Cominciando dalle prove ‘meno’ deprecabili, voto 5,5 per Kjaer e Tonali. Il difensore soffre troppo il duello con Vlahovic, mentre il regista non risulta incisivo come al solito. Stessa votazione per un Saelemaekers dinamico ma caotico ed un Brahim Diaz ancora lontano dalla forma migliore.

5,5 in pagella anche per i subentrati Florenzi, Messias e Giroud. I tre neo-acquisti del Milan sembrano, per motivi differenti, ancora poco integrati negli schemi e fanno fatica nella ripresa a mettersi in evidenza.

Illude Theo Hernandez, che spinge meno del solito ma ad inizio ripresa suona la carica, con l’assist per il 2-3 di Ibra. Ma la Gazzetta punisce la sua dormita che regala il quarto gol alla Fiorentina: voto 5 pieno.

Infine i peggiori. Voto 4,5 per Tatarusanu, che con la ‘papera’ nel primo tempo indirizza la gara in favore della Fiorentina. Idem per il redivivo Gabbia: rilanciato titolare, il difensore ne combina una peggio dell’altra. Dorme sullo 0-1 e si perde Vlahovic nell’occasione del tris.