Marcolin, “Attacchiamo gli arbitri”: il fuori onda su Dazn, poi le scuse – VIDEO

L’ex calciatore e attuale commentatore di DAZN non ha fatto una bella figura in diretta televisiva, al termine del match del Milan.

E’ successo un po’ di tutto dopo il fischio finale di Milan-Spezia, match che ha letteralmente lasciato l’amaro in bocca ai rossoneri. Il clamoroso abbaglio dell’arbitro Serra ha reso il post-partita di San Siro incandescente. Sia per i calciatori in campo, sia per chi ha commentato la gara.

Diletta e Marcolin
Diletta Leotta e Marcolin (©LaPresse)

Tante le recriminazioni per quella regola del vantaggio non concessa da Serra, che ha di fatto invalidato il bellissimo gol di Junior Messias che avrebbe probabilmente regalato i 3 punti al Milan. Ma oltre ai protagonisti della serata, anche negli studi DAZN ci si è lasciati prendere da una strana euforia.

Il post-partita sull’emittente streaming era gestito dal giornalista Marco Russo e da due opinionisti d’esperienza, gli ex calciatori Massimo Ambrosini (milanista doc) e Dario Marcolin. Quest’ultimo si è lasciato andare ad un fuori onda che ha fatto non poco discutere.


Leggi anche:


Le parole di Marcolin e l’ira dei social

In diretta sui canali DAZN, Marcolin è stato chiamato a dare un aggettivo a ciò che è accaduto al 91′ minuto di Milan-Spezia. “Incredibile” – ha detto l’ex calciatore di Lazio e Sampdoria. Il caos è però scaturito da una frase che il personaggio in questione ha pronunciato non sapendo di essere ancora microfonato, mentre stava partendo un servizio sul match.

Marcolin ha detto palesemente ai suoi compagni di serata “Sì, attacchiamo gli arbitri“. Una gaffe inaspettata, una frase detta forse per accordarsi con Ambrosini e con il conduttore su come continuare il successivo blocco televisivo di commenti post-gara. Eppure i social si sono scatenati contro l’ex calciatore.

 

Addirittura la frase di Marcolin è stata associata alla nota ‘triade’ juventina Moggi-Giraudo-Bettega, che attaccarono la classe arbitrale in maniera ben più diretta e lesiva. Per questo motivo l’opinionista DAZN ha dovuto porgere le proprie scuse a tutti i telespettatori, ammettendo l’errore.

“Non mi ero reso conto che fossi ancora in onda. Mi sono lasciato andare ad una frase di impulso visto l’episodio, il senso delle mie parole era tornare sull’argomento nel post partita. Si è trattata di una mia personale esternazione di fronte a quanto avvenuto in campo, non era mia intenzione offendere la categoria degli arbitri a cui porto rispetto considerando che con tanti di loro ho un buon rapporto”.