Hall of Fame: il premio Astori va al rossonero

Anche il difensore del Milan tra i 13 premiati per la decima edizione della Hall of Fame del Calcio Italiano.

Dopo la mancata premiazione dello scorso anno, causa pandemia, è andata in scena quella per la decima edizione della Hall of Fame del calcio italiano.

Simon Kjaer
Simon Kjaer (©LaPresse)

Parliamo di una premiazione che va a celebrare coloro che riescono, in un modo o nell’altro, a lasciare il segno nella storia calcistica del nostro Paese. Un trofeo che in questa edizione è spettato a tante figure note del nostro calcio da Vujadin Boskov a Karl-Heinz Rumenigge, passando per l’attuale tecnico del Tottenham, Antonio Conte e il designatore arbitrale, Gianluca Rocchi.

Il trofeo è stato istituito da Fondazione Museo del Calcio e FIGC nel 2011, con tanti esponenti del giornalismo sportivo nella commissione che vota i vincitori, tra cui Ivan Zazzaroni e Stefano Barigelli. A votare anche il presidente della Fondazione Museo del Calcio, ovvero Matteo Marani.


Leggi anche:


In questa edizione i riconoscimenti sono stati 13 e tra questi c’è il difensore del Milan, Simon Kjaer. Il centrale danese si è aggiudicato il premio intitolato a Davide Astori. Fra i premiati c’è anche un ex calciatore rossonero. Si tratta sempre di un difensore: parliamo di Alessandro Nesta.

All’interno di un comunicato della FIGC sono elencati tutti i nomi dei premiati: “Alla presenza del Presidente federale Gabriele Gravina e del Segretario Generale Marco Brunelli, la commissione aggiudicatrice ha decretato i nuovi membri che entreranno a far parte della Hall of Fame del Calcio italiano: Alessandro Nesta, Karl Heinz Rumenigge, Ntonio Conte, Gianluca Rocchi, Antonio Cabrini, Barbara Bonansea, Giovanni Sartori, Simone Kjaer, che si aggiudica il premio intitolato a Davide Astori, Luigi Simoni, Armando Picchi, Romano Fogl, Fino Fini, Vujadin Boskov a cui sono stati assegnati i Premi alla Memoria”.