Milan, il 14 febbraio un anno dopo: è davvero cambiato tutto

Grazie alla vittoria sulla Sampdoria e al concomitante pareggio tra Inter e Napoli, il Milan è tornato in testa alla classifica di Serie A con una partita in più disputata rispetto ai nerazzurri. Una situazione opposta a quella vissuta, esattamente un anno fa

Una settimana da incorniciare quella appena conclusa per il Milan. Alla vittoria in rimonta nel Derby è seguito il poker alla Lazio nei quarti di finale di Coppa Italia. L’1-0 alla Sampdoria con la prodezza di Leao ha concluso il trittico e ridato la vetta della classifica ai rossoneri che, in settimana, hanno festeggiato anche il rinnovo di contratto fino al 2026 di Theo Hernandez, notizia che ha dato ulteriore entusiasmo alla tifoseria.

Milan
Milan (Getty Images)

Un primato ritrovato dopo due mesi per il Milan, sul quale pende però il mantra della partita in meno per l’Inter che deve ancora recuperare (e non si sa quando) il match non disputato all’Epifania contro il Bologna al Dall’Ara. Un “vizio” di classifica che viene sbandierato puntualmente ( e ci mancherebbe …) insieme al refrain, condiviso da buona parte degli addetti ai lavori, che l’Inter vincerà sicuramente lo Scudetto, che può solo perderlo e che non ci sono chance (o davvero poche) per chi insegue.

Al di là di pronostici e scenari più o meno condivisibili, il primo posto del Milan rappresenta un’ulteriore conferma della crescita di una squadra ormai tornata stabilmente tra le big del campionato con la consapevolezza di poter lottare per la vetta in una situazione diversa rispetto a quella vissuta esattamente un anno fa, magari vivendo al contrario un interessante intreccio di date.


Leggi anche


Milan, il 14 febbraio di un anno fa cambiava tutto

Il Milan è tornato in testa alla Serie A domenica 13 febbraio 2022, lo stesso giorno in cui subiva, un anno fa, la sconfitta per 2-0 contro lo Spezia al Picco. Prima del match con i liguri di Italiano, i rossoneri erano primi in classifica con due punti di vantaggio sull’Inter. Si giocava di sabato, ventiquattro ore prima dell’impegno che attendeva l‘Inter contro la Lazio a San Siro. Nel posticipo di domenica 14 febbraio, i nerazzurri di Conte si imposero 3-1 con la doppietta di Lukaku e il gol finale di Lautaro Martinez.

Maignan-Leao
Mike Maignan e Rafael Leao (©Getty Images)

Una vittoria che ha sancito il sorpasso dell’Inter al primo posto in classifica dopo un inseguimento sul Milan iniziato dalla terza giornata di campionato. Il ko di La Spezia di un anno fa ha avviato una settimana durissima per i rossoneri, diametralmente opposta a quella terminata ieri. Il giovedì seguente, il pareggio subito in extremis contro la Stella Rossa in Europa League (2-2) poi, domenica 21 febbraio, il pesantissimo ko 3-0 nel Derby con l’Inter in fuga a +4. Un allungo decisivo che avrebbe portato i nerazzurri alla conquista dello Scudetto avvenuta con 4 giornate di anticipo a inizio maggio.

Ora la situazione è diversa. Il 14 febbraio, il Milan è primo in classifica e, pur con una partita in più disputata,  si appresta ad affrontare l’ultima parte del campionato con un Derby vinto, molte più certezze e un entusiasmo che i prossimi impegni, alla portata, con Salernitana e Udinese possono ulteriormente fortificare.