Dal Lille al Milan: “Vestire il rossonero è un’ambizione”

Parla il calciatore di proprietà del Lille che a sorpresa esce allo scoperto e parla del suo desiderio di vestire la maglia del Milan

Dopo Rafael Leao e Mike Maignan, il Milan è pronto a mettere a segno altri colpi dal Lille. Ormai non è più un segreto. Paolo Maldini e Frederic Massara vogliono chiudere il prima possibile per Sven Botman e Renato Sanches.

Stefano Pioli
Stefano Pioli (©LaPresse)

Arrivano segnali inequivocabili: l’incontro avvenuta a Casa Milan, nei giorni scorsi, è una conferma praticamente ufficiale del desiderio dei rossoneri di portare a casa il difensore olandese. E’ il classe 2000 il prescelto per rafforzare la retroguardia. Botman ha detto sì al Milan, ora serve l’accordo con il Lille che potrebbe arrivare per circa 30 milioni di euro.

Entra nel nostro canale Telegram! Notizie in anteprima e chat aperta con la redazione

Ne servirà qualcosa meno per Renato Sanches, che ha il contratto in scadenza il 30 giugno 2023. Un contratto che il portoghese non ha alcuna intenzione di prolungare. Andrà a sostituire Franck Kessie. Arrivano indizi social, che vanno verso un’unica direzione. Per il Lille è pronto un assegno da circa 25 milioni di euro.


Leggi anche:


L’attaccante si propone

Ma si sa, non c’è due senza tre e i tifosi del Milan, sognano anche l’acquisto di Jonathan David. Attaccante classe 2000 che però ha già una valutazione davvero importante, superiore ai 40 milioni di euro.

Sarebbe molto più facile arrivare a Timothy Weah. Il figlio del grande George, intervistato da SportWeek, settimanale de La Gazzetta dello Sport, non ha nascosto il suo desiderio di vestire in futuro la maglia del Milan: “Sono focalizzato sul Lille, ma è sempre stata una mia ambizione giocare un giorno in un grande campionato come la Serie A e in particolare in un grande club come il Milan, che in fondo fa un po’ parte della storia della mia famiglia”.

“Con Maignan parlo spesso di Milan. Mi dice che si trova benissimo con i tifosi e che la città è fantastica. Ma mi sento anche con Rafael Leao, Fikayo Tomori, tutti miei amici. Il Milan è una bella squadra. Quando ero bambino c’era l’idea che andassi a giocare nelle giovanili rossonere. Le cose sono andate diversamente, però magari al Milan arriverò lo stesso”.