Milan, l’altro grave errore dell’arbitro Marchetti: ancora Messias, come con lo Spezia – FOTO

L’atteggiamento dell’arbitro Marchetti è stato pessimo in Milan-Udinese, tanto da far esporre pubblicamente Paolo Maldini. C’è un episodio che dimostra quanto sia stato inadeguata la direzione di gara…

Fiumi di polemiche dopo Milan-Udinese, e aggiungeremmo, assolutamente legittime! Il Milan, nonostante una prestazione non all’altezza, è stato ancora una volta vittima di evidenti torti arbitrali. I rossoneri sono usciti da San Siro con un solo punto, complice un clamoroso errore nella valutazione del gol dell’Udinese.

Matteo Marchetti
Matteo Marchetti (©LaPresse)

L’1-1 messo a segno da Destiny Udogie è in realtà una rete irregolare, come mostrano bene le immagini. Il giocatore dell’Udinese ha buttato la palla in porta con la mano, e nè arbitro nè Var (fatto ingiustificabile) hanno notato l’irregolarità. Ma in generale, l’intera gara è stata viziata da una cattiva direzione di gara.

Il fischietto del match è stato Matteo Marchetti. Un giovane arbitro di 32 anni con davvero poca esperienza. La sua direzione sul campo ha fatto infuriare giocatori rossoneri e tifosi, per diverse motivazioni. L’inesperienza di Marchetti è stata evidente e sottolineata in modo netto da Paolo Maldini nel post-gara.

Entra nel nostro canale Telegram! Notizie in anteprima e chat aperta con la redazione

Uno dei motivi principali che ha portato all’ira l’ambiente rossonero è stato certamente il triplice fischio dell’arbitro, che ha emesso addirittura tre secondi prima del 95’. In realtà, gli ultimi minuti della gara non sono stati nemmeno giocati. Falli e perdite di tempo dei giocatori dell’Udinese hanno spezzettato il finale della partita.

Ma nonostante ciò, Marchetti non ha minimamente permesso di recuperare il tempo perso. Ma non è tutto qui: c’è stato un altro errore arbitrale che ha infiammato gli animi dei milanisti.


Leggi anche:


Milan-Udinese, Marchetti fischia fallo nonostante il vantaggio

Durante il primo tempo di Milan-Udinese, si è verificato un episodio che ha tanto ricordato quello di Milan-Spezia scorso, quando l’arbitro aveva fischiato il fallo su Rebic nonostante la palla fosse ancora in possesso rossonero. Junior Messias aveva di fatto segnato il gol del vantaggio, ma il fischio dell’arbitro ha spento ogni speranza.

Stasera, Marchetti ha commesso il medesimo errore. Con ancora il brasiliano palla al piede e in campo aperto, l’arbitro laziale ha fermato il gioco per un fallo da cartellino giallo di Nehuen Perez su un rossonero. Eppure, la regola dice che in tali situazioni, se la palla è ancora in possesso della squadra che ha subito fallo, bisogna lasciar correre.

Junior Messias era in chiara situazione di vantaggio, pronto ad involarsi verso la porta. Ma, nulla da fare. Anche stasera, ancora una volta, le regole sono sembrate non esistere. L’episodio ha ovviamente causato l’ira dei tanti presenti allo stadio e di chi ha seguito la gara davanti la tv.

La pazienza sta cominciando ad esaurirsi in casa Milan, come ben trapelato dalle parole di Paolo Maldini dopo Milan-Udinese.

Milan-Udinese episodio fischio Marchetti
Milan-Udinese episodio fischio Marchetti