L’episodio che ha penalizzato il Milan, Pioli sicuro: “È clamoroso”

Stefano Pioli, alla vigilia della partita di campionato contro il Bologna, è tornato su un episodio che ha fatto molto discutere dopo Atalanta-Milan

A distanza di cinque giorni tiene ancora banco uno degli episodi che ha fatto più discutere durante la seconda giornata di Serie A: lo scriteriato intervento di Hateboer su Rafael Leao, avvenuto durante Atalanta-Milan.

pioli
Pioli (LaPresse)

Siamo al 47’, giro palla del Milan, Sandro Tonali serve in orizzontale Theo Herndendez che la prolunga in direzione del portoghese. Senza pensarci due volte, l’ex Sporting affonda sulla fascia per provare il cross quando viene travolto dal terzino della Dea. Maresca si avvicina immediatamente verso Hateboer estraendo il cartellino giallo, nonostante abbia colpito Leao alzando il piede a martello.

La decisione lascia tutti perplessi. Oltre al fatto che il fallo sarebbe dovuto essere sanzionato con il rosso subito, è curioso come non sia intervenuto il Var a richiamare l’arbitro per una On-Field Review. Evidentemente Valeri non ha giudicato l’intervento del terzino olandese così pericoloso. Sbagliando.

Fallo di Hateboer su Leao: il commento di Pioli

Oggi Stefano Pioli è ritornato sull’argomento durante la conferenza stampa alla vigilia della partita contro il Bologna. Alla domanda del giornalista su come ha visto quel fallo, l’allenatore ha risposto senza alcun dubbio: “A Bergamo c’era un fallo clamoroso da rosso, invece valutato da giallo. Il Var doveva intervenire”.

Il clamoroso errore di Valeri ha effettivamente lasciato tutti sbigottiti e l’allenatore del Milan non le ha di certo mandate a dire. Così come Pioli, anche i due ex arbitri Graziano Cesari e Luca Marelli avevano espresso tutto il loro disappunto ai microfoni di Mediaset e Dazn già cinque giorni fa. Un episodio che ha sicuramente penalizzato i rossoneri, visto che la squadra avrebbe potuto giocare una buona parte di gara con un uomo in più. Ma è anche vero che la vittoria non è arrivata anche per chiari demeriti di Rebic & Co., incapaci di concretizzare le tante palle gol create.