Chelsea-Milan, Pioli ha deciso: ecco il sostituto di Calabria

Il Milan sta perdendo troppi giocatori per infortunio: Pioli in difesa si ritrova con scelte limitate adesso.

La squadra di Stefano Pioli recupera qualche pezzo e ne perde altri. Se Ante Rebic è recuperato e anche Divock Origi è prossimo al rientro nella lista dei convocati, invece ci sono altri calciatori che sono finiti KO.

Stefano Pioli
Stefano Pioli (©Ansa Foto)

Contro l’Empoli si sono infortunati Simon Kjaer, Alexis Saelemaekers e Davide Calabria. Il primo è quello che rientrerà prima, dovrebbe rimanere fuori due o tre settimane. Potrebbe essere a disposizione per la partita di campionato contro l’Hellas Verona oppure per quella di Champions League contro la Dinamo Zagabria.

Invece, è molto più grave la situazione dei due compagni squadra. Il belga ex Anderlecht è out per circa due mesi, mentre il capitano del Milan per circa tre. Li rivedremo in campo solo nel 2023. Per quanto riguarda il terzino, la speranza è che anche lui possa tornare già nella prima partita del nuovo anno in programma contro la Salernitana il 4 gennaio.

Milan, le soluzioni di Pioli per rimpiazzare Calabria

Pioli in difesa si ritrova con scelte abbastanza limitate. Sulla fascia destra ha perso prima Alessandro Florenzi e poi Calabria, quindi adesso è normale pensare che giochi Sergino Dest. L’ex Ajax ha giocato molto male contro il Napoli prima della sosta nazionali, però è determinato a riscattarsi e a dimostrare di essere all’altezza della maglia rossonera.

Davide Calabria
Davide Calabria (©Ansa Foto)

Il terzino americano dovrebbe partire titolare domani sera nel match di Champions League contro il Chelsea a Stamford Bridge. L’alternativa su quella corsia è Pierre Kalulu, che sa giocare anche in tale posizione. Spostando l’ex Lione sulla fascia, al centro verrebbe impiegato tra Matteo Gabbia. Malick Thiaw non è in lista UEFA, dunque può giocare solamente nelle partite di Serie A.

Da vedere se Pioli valuterà anche l’ipotesi di giocare con una difesa a tre, ma giocando ogni tre giorni il tempo per sperimentare a Milanello è poco. Comunque è una soluzione alla quale ha detto di pensare da un po’ di tempo, pertanto non bisogna escludere novità prossimamente. Non a Londa contro il Chelsea.