Luiz Adriano
Luiz Adriano (©Getty Images)

CALCIOMERCATO MILANLuiz Adriano sapeva che non sarebbe stato titolare, ma adesso è perfino una terza scelta. Vincenzo Montella, facendo giocare dal 1′ Gianluca Lapadula contro la Sampdoria, ha reso chiare le sue gerarchie.

Carlos Bacca è il titolare dell’attacco, anche se a Genova l’allenatore ha voluto lasciare un messaggio. Nessuno è intoccabile e ognuno deve lavorare sodo per ritagliarsi spazio. Però l’ex bomber dello Shatkhtar Donetsk dovrà impegnarsi tanto per guadagnarsi la fiducia del tecnico. Nel pre-campionato sembrava essere in discreta forma, però finora ha collezionato solo 1 presenza da 3 minuti nelle prime 4 partite di Serie A. Un bottino magro per un giocatore che un anno fa era considerato un titolare e che progressivamente ha perso posizioni nella graduatoria di gradimento dei vari allenatori.

Calciomercato Milan, Luiz Adriano se ne va a gennaio?

Ci viene logico pensare che, se la situazione non dovesse cambiare, Luiz Adriano possa lasciare Milanello a gennaio 2017. Già in quello scorso era stato ad un passo dal trasferimento allo Jiangsu Suning, sfumato al momento delle firme sul contratto. Il club di via Aldo Rossi già in estate lo avrebbe ceduto, ma non sono arrivate le giuste offerte. Però potrebbero arrivare tra pochi mesi.

Alcune proposte possono giungere dalla Cina o dai Paesi arabi. Il brasiliano ha estimatori anche in Russia, dove per esempio allena il suo mentore Mircea Lucescu. Il tecnico rumeno, che lo conosce dai tempi dello Shakhtar Donetsk, però ha rivelato che allo Zenit non intendono prendere attaccanti stranieri e ciò ha bloccato un eventuale trasferimento in estate. Vedremo se tra qualche mese cambierà qualcosa o se comunque altre società si faranno avanti. Luiz Adriano è un buon attaccante e sicuramente può far comodo a diverse squadre. Il suo ingaggio da circa 3 milioni di euro netti annui può fermare qualche pretendente, ma il 29enne di Porto Alegre pur di giocare potrebbe fare un sacrificio. Il Milan auspica di ricevere offerte attorno ai 10 milioni per il cartellino.

 

Matteo Bellan – www.milanlive.it