Bandiera Cina
Bandiera cinese (4©Getty Images)

MILAN NEWS – Sono giornate importanti queste per il futuro del Milan. Non solo proseguono i lavori di Fininvest e dei cinesi per finalizzare il passaggio di proprietà, ma stanno emergendo anche i nomi dei possibili investitori coinvolti nell’affare.

Prezioso il contributo di Pasquale Campopiano, giornalista del Corriere dello Sport che MilanLive ha intervistato nelle scorse ore. E’ stato lui per primo a lanciare i nomi di TCL Corporation (colosso dell’elettronica che fattura 16 miliardi dollari) e di China Huarong ( colosso finanziario statale dal fatturato di 11 miliardi e asset per 118). La presenza di questi soggetti è stata confermata dalle fonti del giornalista.

Ma la lista dei possibili compratori del Milan si è arricchita in queste ore. Marco Bellinazzo de Il Sole 24 Ore ha fatto venire alla luce altri tre nomi: China Construction Bank (seconda banca cinese, 173 miliardi di capitalizzazione), Ping An Insurance (secondo colosso assicurativo in Cina, fattura 60 miliardi) e Baoshang Bank (istituto bancario della Mongolia). Tutti questi vanno ad aggiungersi a Yonghong Li e Haixia Capital, i primi profili resi ufficiali da Fininvest nel comunicato di inizio agosto.

Ma Campopiano nel suo ultimo articolo sul corrieredellosport.it parla di un ulteriore investitore presente nel consorzio. Si tratta della China Merchant Bank, potentissima banca cinese del Guangdong, fatturato da 48 miliardi di dollari e assets per 843 miliardi. Se tutti questi nomi emersi negli ultimi giorni venissero confermati ufficialmente nelle prossime settimane, al Milan si potrebbero dormire sogni tranquilli. Parliamo infatti di soggetti molto solidi economicamente e che possono garantire al club un futuro roseo.

Nelle prossime due settimane la lista dei potenziali investitori si trasformerà in quella degli acquirenti effettivi. Campopiano scrive che le fonti confermano che da accordi sottoscritti tra le due parti in trattativa, c’è una clausola fortemente voluta da Fininvest ai tempi della firma e chiaramente vincolante: che almeno tre di questi grandi colossi dell’economia cinese fossero presenti nella lista finale, quella degli effettivi compratori del Milan. Quest’ultima finirà nelle prossime settimane nelle mani di Marco Fassone e di Fininvest. Poi si penserà agli ultimissimi dettagli di un closing che pare ormai certo.

 

Redazione MilanLive.it