Milan, la diagnosi dei capitani: “Manca personalità”

Riccardo Montolivo e Urus Cosic (©Getty Images)

MILAN NEWS – Un palo, qualche guizzo singolo nella ripresa e poco altro. Questa la prova del Milan contro l’AEK Atene, limitandosi a prendere un punticino utile per mantenere quanto meno la testa del girone D di Europa League.

Come riportato dalla Gazzetta dello Spot, l’analisi del match di ieri è severissima anche da parte degli stessi protagonisti. A cominciare dai leader e capitani del Milan; Riccardo Montolivo e Leonardo Bonucci avranno due modi di intendere la fascia molto differenti, anche due caratteri probabilmente opposti. Ma nel giudicare la prova dei rossoneri di ieri ad Atene parlano praticamente all’unisono, confermando il messaggio: a questo Milan manca personalità.

Comincia l’ex capitano, senza più gradi ma sempre molto presente nelle discussioni di spogliatoio: “Mi spiace per il primo tempo, non siamo stati all’altezza e ci sono mancate personalità e giro palla. Nella ripresa meglio, avremmo meritato il gol ma dobbiamo fare comunque di più. Dobbiamo crescere a livello di personalità, servono meno palloni lunghi e giocare più palla a terra e in velocità. E poi giocarla senza paura, nel primo tempo non lo abbiamo fatto e per l’Aek era tutto molto più facile. Dobbiamo migliorare molto”.

L’attuale capitano Bonucci ripete praticamente gli stessi concetti, analizzando così la prestazione dei suoi compagni: “In questi casi serve più personalità da parte del singolo. Quest’estate si è creato tanto entusiasmo ma in campo andiamo noi e c’è da rimanere concentrati e dare il massimo. Vedo grandissimo valore in questa squadra, ci manca quel pizzico di sfrontatezza per fare il salto di qualità”. Insomma il messaggio è chiaro, la cura un po’ meno; servirà un lavoro generale su testa e nervi per rilanciare questo Milan.

 

Keivan Karimi – Redazione MilanLive.it