Marco Fassone
Marco Fassone (©Getty Images)

MILAN NEWS – La sentenza UEFA è ufficialmente arrivata. Il Milan è stato escluso dalla prossima Europa League, come già ampiamente previsto.

La società di via Aldo Rossi ha però ancora una piccola speranza. Si farà infatti ricorso al TAS di Losanna per provare a cambiare la decisione dell’organo europeo. Come spiega il Corriere dello Sport, il ricorso non è ancora stato presentato dal club rossonero. Per farlo, ricorda il quotidiano romano, ha dieci giorni di tempo. Ma è probabile, però, che lo avanzi già all’inizio della prossima settimana, in modo da sfruttare tutto il tempo a disposizione.

La squadra di avvocati, che sarà guidata da Roberto Cappelli (membro del consiglio d’amministrazione del Milan), non è ancora completa: sono stati coinvolti finora due avvocati svizzeri specializzati, ma si potrà aggiungere qualcun altro nelle prossime ore. Intanto, però, sono state già stabilite le linee guida su cui si sta concentrando la mossa difensiva.

In primo luogo, i legali punteranno sul fatto che il Fair Play Finanziario sia stato sforato per colpa della proprietà precedente. Il secondo punto, invece, riguarda i precedenti degli altri club, che in situazioni ancor più gravi sono riusciti ad ottenere il settlement agreement e non sono stati esclusi dall’Europa. Infine, la modifica del business plan, che è stato modificato per necessità e che non va considerato un difetto di credibilità.

 

Redazione MilanLive.it