Milan, rivoluzione anche della rosa: tanti addii da sostituire

Milan Frosinone
Milan-Frosinone (©Getty Images)

L’estate non è ancora iniziata ma il Milan è già molto diverso. Leonardo e Gennaro Gattuso non ci si sono più: entrambi si sono dimessi nella giornata di martedì. Si attende una risposta da Paolo Maldini, al quale è stato proposto un ruolo molto importante.

In attesa di capire cosa vuol fare l’ex capitano, ci sono poi due priorità: il nuovo direttore sportivo (da non escludere la soluzione interna) e l’allenatore. Tanti profili valutati finora ma senza la definizione totale dell’organigramma non si potrà procedere alla scelta. Così come adesso è impossibile fare previsioni sul calciomercato. Una cosa però è certa: ci saranno molti addii, alcuni di questi già (quasi) ufficiali. Parliamo dei giocatori in scadenza di contratto: José Mauri, Andrea Bertolacci, Riccardo Montolivo, Cristian Zapata e Ignazio Abate. A questi si aggiunge anche Tiemoué Bakayoko, che per ovvie ragioni non sarà riscattato dal Chelsea (35 milioni sono davvero troppi). Ma la lista potrebbe non finire qui.

MILAN, SENZA LEONARDO DIFFICILE ARRIVARE A DEULOFEU

Milan, almeno 7-8 acquisti

Peppe Di Stefano a ‘Sky Sport 24’ ha spiegato che secondo lui ci sarà una rivoluzione della rosa per un motivo ben preciso: con così tanti addii, bisognerà cercare poi dei sostituti. A centrocampo soprattutto, che dal 30 giugno in poi si ritroverà senza quattro elementi. E occhio alle cessioni. Perché nella situazione attuale, con un Milan ancora senza Champions League, l’ipotesi di un’uscita eccellente non è così lontana. Si è parlato di Franck Kessie, di Hakan Calhanoglu e anche di Jesus Suso. Attenzione a Gianluigi Donnarumma, il più pagato della rosa (6 milioni) e quello con la valutazione economica più alta. A lui si sono interessati Paris Saint-Germain, Arsenal e anche Manchester United. Gigio vorrebbe rimanere al Milan ma il suo ingaggio è davvero troppo alto. In ogni caso, questi addii vanno per forza di cose rimpiazzati, quindi non è difficile immaginare un numero abbastanza alto di arrivi, almeno sette o otto. Ma prima di pensare alla campagna acquisti c’è da sistemare la società e la panchina. Ci vorrà ancora qualche giorno.

PANCHINA MILAN, MENDES PROPONE ESPIRITO SANTO

 

Redazione MilanLive.it