News Milan, contatti con la UEFA per la grana del Fair Play Finanziario.

Ivan Gazidis
Ivan Gazidis (foto AC Milan)

Il Milan in questo momento è impegnato su più fronti. Oltre a quello sportivo, riguardante in particolare il calciomercato e dunque la ricerca di rinforzi per migliorare la squadra, c’è anche quello con la UEFA. Una grana che il club si porta dietro da tempo e ancora non si conosce con esattezza l’esito che avrà tutta la vicenda.

Oggi il Corriere dello Sport cerca di fare chiarezza spiegando la situazione. Il Milan sta discutendo con i legali del Club Financial Control Body della UEFA. Si tratta dell’organismo che si occupa di controllare se le società che devono partecipare alle coppe rispettano i parametri del Fair Play Finanziario e può imporre sanzioni a quelle che li violano. Le parti si stanno confrontando in merito al noto ricorso al TAS di Losanna inerente il triennio 2014-2017. Si punta a trovare una conciliazione che poi il Tribunale Arbitrale dello Sport dovrebbe ratificare.

-> Per seguire tutti gli aggiornamenti sulle ultime news MilanLEGGI QUI.

News Milan, cosa succederà con UEFA e TAS?

Le tempistiche rimangono un’incognita, visto che si tratta di una vicenda molto delicata. Serve trovare una formula che non generi dubbi ad eventuali terze parti in causa, in modo da avere un verdetto inattaccabile sotto il profilo giuridico. Milan e UEFA stanno studiando nei dettagli la questione. E’ previsto che le parti, prima di presentarsi dal TAS, possano raggiungere un’intesa. Il club rossonero vorrebbe spostare l’obbligo di raggiungimento del break-even dal giugno 2021 al giugno 2022. Rispettando al contempo la multa da 12 milioni e le limitazioni della lista europea stabilite nella sentenza di dicembre 2018.

Se l’accordo venisse raggiunto e poi ratificato dal Tribunale Arbitrale dello Sport, successivamente si attiverebbe la Camera Giudicante del Club Financial Control Body per la sentenza sul triennio 2015-2018. Il Milan, essendo recidivo sulle violazioni al Fair Play Finanziario, subirebbe l’esclusione per un anno dalle coppe europee. Dopo questo doppio verdetto, bisognerà valutare se il club verrà nuovamente giudicato per il triennio 2016-2019 rischiando di subire nuove sanzioni. Il Corriere dello Sport spiega che, comunque, una conciliazione è difficile.

Per il Milan l’esclusione per un anno dall’Europa League sarebbe certamente una macchia, però sembra essere comunque ritenuta un “male accettabile” in cambio della possibilità di avere un anno in più per sistemare il bilancio. Adesso si attendono comunicazioni dalla Svizzera per capire cosa succederà effettivamente. Se i rossoneri venissero esclusi dalle coppe, la Roma sarebbe qualificata direttamente alla fase a gironi e il Torino invece prenderebbe parte ai preliminari.

News Milan, inizia l’era Giampaolo: i dettagli su contratto e staff

 

Redazione MilanLive.it

MilanLive.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre ultime notizie seguici qui: MilanLive.it