Donnarumma-PSG, avanti con calma. Ma l’affare si farà

donnarumma areola
Gianluigi Donnarumma e Alphonse Areola (©Getty Images)

Calciomercato Milan: Donnarumma al PSG, si tratta con molta calma. L’affare è destinato ad andare in porto.

Il Consent Award concede al Milan più tempo per risanare i proprio conti. L’UEFA non è più col fiato sul collo, ma lo sarà di nuovo dalla prossima Primavera. Stavolta il club non vuole sbagliare e ha già iniziato a ripulire le casse della società.

Ecco perché non sono previste spese folli. E, soprattutto, la necessità di fare plusvalenze resta. Non urgente, ma resta. Impossibile quindi non parlare della trattativa col Paris SaintGermain per Gianluigi Donnarumma, il giocatore che darebbe al club rossonero la possibilità di fare una plusvalenze netta e importante. Come vi raccontiamo ormai da giorni, i discorsi coi parigini sono ben avviati: per la Gazzetta dello Sport di oggi, l’operazione si farà. Si andrà avanti con calma, quindi senza fretta, ma prima o poi arriverà ad una svolta.

Gazzetta – Milan, niente Europa League: retroscena e scenari futuri

Calciomercato Milan, Donnarumma al PSG si farà

Con Alphonse Areola, per forza di cose. Il Milan preferirebbe vendere Gigio senza contropartite tecniche, ma ad oggi questa possibilità non c’è. Ma si conta di incassare almeno 25-30 milioni di plusvalenza, quindi una cifra più alta rispetto alla prima offerta di 20 più Areola. La rosea sottolinea la necessità anche di risparmiare sul suo ingaggio di 6 milioni. Che rischia di aumentare fra un anno, quando il club si ritroverà costretto a rinnovare il contratto in scadenza nel 2021.

Ma come già vi abbiamo spiegato dettagliatamente, prendendo Areola il risparmio non sarebbe così evidente. Il portiere spagnolo al PSG guadagna 4,5 milioni, quindi più di 8 milioni lordi (Donnarumma ne costa 11, non troppo in più). Lo stipendio del portiere francese non diminuirà passando al Milan, per ovvi motivi. Anzi, è possibile che chiederà un aumento anche perché in rossonero non giocherà nemmeno l’Europa League. Per questi motivi, oltre al fatto che il Diavolo non ha bisogno di sostituti perché ci sono già Pepe Reina e Alessandro Plizzari, oltre agli aspetti puramente tecnici (Areola è bravo ma non è un fenomeno), a noi continua a sembrare un’operazione svantaggiosa per il Milan. Confidiamo nell’intelligenza di Paolo Maldini e Zvonimir Boban.

Milan, il bilancio piange: ora Champions, sponsor e plusvalenze

 

Redazione MilanLive.it