Home Non Solo Milan Fiorentina, colpo Ribery: domani il francese sarà in Italia

Fiorentina, colpo Ribery: domani il francese sarà in Italia

Franck Ribery
Franck Ribery (©Getty Images)

Gran colpo di mercato della Fiorentina, che acquista il cartellino di Franck Ribery a parametro zero. Il francese lo scorso giugno ha chiuso la propria carriera al Bayern Monaco dopo 12 anni, 425 presenze e 124 gol.

Domani l’esterno francese sarà in Italia per sostenere le visite mediche e firmare il nuovo contratto (dovrebbe essere un biennale). I primi contatti tra la Fiorentina e l’entourage del giocatore risalgono al 13 luglio scorso. Nel corso delle settimane la trattativa si faceva sempre più concreta e negli ultimi giorni sono stati limati gli ultimi dettagli sull’ingaggio del giocatori.

Maldini fa il punto sul calciomercato Milan!

Ribery-Fiorentina: che colpo!

Ribery approda in Serie A con un bagaglio incredibile di esperienza e numerosi trofei vinti: si tratta di un classe 1983, che lo scorso aprile ha compiuto 36 anni.

La Fiorentina sarà una vetrina importante per lui, che nonostante l’età, ha deciso di provare un’avventura tutt’altro che semplice e in un campionato comunque molto competitivo rispetto alle opzioni fuori dall’Europa che certamente non gli mancavano.

Vincenzo Montella avrà così un nuovo esterno nel suo 4-3-3. Dopo la permanenza di Federico Chiesa, tenuto con le unghie e con i denti in viola, sulla corsia opposta ci sarà Ribery: gioventù e frechezza da un lato, esperienza e classe dall’altra. Al centro dell’attacco dovrebbe esserci Kevin-Prince Boateng, vecchia conoscenza del Milan.

Ribery, nel 2010 rifiutò il Milan

Il trasferimento in Italia di Ribery arriva con qualche anno di “ritardo”. Sì perché nel 2010, come da lui stesso rivelato, era stato vicinissimo a lasciare il Bayer Monaco.

Queste le sue parole, rilasciate in un’intervista di pochi mesi fa, a maggio: “Nell’estate 2010 ho preso una delle decisioni migliori della mia carriera rimanendo al Bayern. E dire che mi volevano sette club d’elite, una pazzia. Milan, Juventus, Inter, Chelsea, Real Madrid, Barcellona e Manchester United. Non fu facile decidere, passarono diverse idee nella mia testa”.

Laxalt-Atalanta, il Milan apre al prestito con obbligo