Il Milan si aspetta il ritorno al gol di Krzysztof Piatek, ancora a secco in quest’estate sia in rossonero che con la Polonia. E Rafael Leao attende una chance.

Rafael Leao
Rafael Leao (foto acmilan.com)

In queste settimane si è parlato a lungo del digiuno dal gol di Krzysztof Piatek. L’attaccante polacco non ha segnato nessuna rete con la maglia del Milan nelle amichevoli estive e nelle prime due giornate di campionato.

E’ rimasto a secco anche con la Polonia. Il commissario tecnico Jerzy Brzeczek lo ha impiegato come titolare per 76 minuti con la Slovenia e poi lo ha lasciato in panchina contro l’Austria. Il giocatore ieri è rientrato in Italia e a Milanello ha svolto una seduta di scarico. Oggi ha lavorato regolarmente agli ordini di Marco Giampaolo, che si aspetta ottime cose da lui adesso.

Verso Hellas Verona-Milan: Piatek vuole segnare, Leao cerca spazio

Domenica c’è Hellas Verona-Milan e l’auspicio nell’ambiente rossonero è che Piatek riesca a sbloccarsi, così da arrivare carico in vista del successivo derby contro l’Inter. Ovviamente, prima di tutto contano i 3 punti della squadra, ma è innegabile che un gol del numero 9 milanista sarebbe un buon segnale di ripresa da parte sua.

Certamente Piatek deve migliorare nei movimenti e ritrovare concretezza in area di rigore. Altrettanto vero è che i compagni devono supportarlo meglio e Giampaolo deve riuscire a sfruttare al massimo le sue doti da finalizzatore. Più pezzi del puzzle devono incastrarsi per rivedere il pistolero goleador della passata stagione.

Alle spalle di Piatek scalpita Rafael Leao. Il 20enne attaccante ha segnato nell’ultima partita disputata con il Portogallo Under 21 e spera di avere più spazio. Nel Lille e in nazionale ha giocato da prima punta e dunque può anche occupare il posto del compagno polacco. Ha caratteristiche differenti, ma sa agire in quella posizione e dovrà essere bravo a farsi trovare pronto quando Giampaolo lo chiamerà in causa.

Leao è un giovane con buone qualità atletiche e tecniche, in molti ritengono che abbia il potenziale per diventare un grande giocatore. Oggi è difficile dire quale potrà essere il suo futuro, ma intanto nell’ambiente Milan c’è grande fiducia nei suoi confronti e starà a Giampaolo decidere quando e come impiegarlo. Il talento portoghese scalpita e spera già domenica contro l’Hellas Verona di giocare uno spezzone di partita per mostrare le sue doti.

Rebic, oggi allenamento personalizzato e venerdì presentazione