L’intervista di Gianluigi Donnarumma all’emittente DAZN, che trasmetterà sabato sera in esclusiva la diretta del derby Milan-Inter.

Gianluigi Donnarumma
Gianluigi Donnarumma (©Getty Images)

Nonostante sia soltanto un classe 1999, per Gianluigi Donnarumma quello di sabato sarà addirittura l’ottavo derby della ‘Madonnina’ giocato da protagonista.

Il portiere del Milan, vero e proprio gioiello del club rossonero, è ormai un veterano della squadra di Marco Giampaolo. E con tutta la maturità e la spensieratezza da sempre dimostrata, Gigio ha risposto alle domande dell’emittente web DAZN.

Il canale on-line, che trasmetterà Milan-Inter in diretta esclusiva sabato alle ore 20:45, ha interpellato il numero 99 rossonero sul presente e sul futuro di carriera, ma anche sulle emozioni che regala la stracittadina.

Milan, Biglia: “Ecco la differenza tra Gattuso e Giampaolo”

Donnarumma a DAZN: “Milan bellissimo gruppo”

Impossibile non cominciare proprio dal derby di sabato, che per Donnarumma rappresenta una gara molto sentita: “Non si può certo definirla una partita come le altre. I tifosi ci tengono tanto e trasferiscono le loro emozioni su di noi. Ricordo la grande gioia dopo il primo derby vinto (3-0 nel 2016 ndr) e la soddisfazione negli occhi della gente. Sfiderò volentieri D’Ambrosio: è un mio compaesano, abita proprio sotto casa mia. Ma in campo sarà battaglia vera”.

Positive le impressioni di Gigio sulla nascita di questo nuovo Milan, giovane ed internazionale: “Ormai sono un veterano, ringrazio Boban per le responsabilità che mi ha affidato. Mi comporto come sempre, cerco di spronare i nuovi compagni. Il Milan di oggi è un bel gruppo, giovane e affiatato”.

Prime gare sotto la guida di Marco Giampaolo non proprio brillanti, ma le impressioni sono buone: “E’ normale avere qualche difficoltà all’inizio con un nuovo allenatore, ma stiamo seguendo Giampaolo. Abbiamo vinto le ultime due gare, vincere aiuta a vincere e alza sicuramente il morale”.

Sulla parata più bella da lui effettuata: “Se devo scegliere dico quella su Khedira, al 90′ di Milan-Juventus 1-0. Fu un intervento difficile, ma mi colpì soprattutto il boato di San Siro subito dopo il mio balzo. Indimenticabile”.

Infine Donnarumma ha voluto mandare un messaggio di vicinanza a Sinisa Mihajlovic, il tecnico che lo lanciò titolare nel Milan a soli 16 anni: “Il mister ce la farà sicuramente, è un leone. Spero di abbracciarlo presto. E’ una persona che ti dà tutto. Con noi era diretto, se vuole dirti una cosa te la diceva in faccia, questo è il suo lato migliore”.

Milan-Inter, tre mosse di Conte: ecco i possibili cambi