Home Calciomercato Milan ANSA – Milan, smentite cessioni importanti a gennaio

ANSA – Milan, smentite cessioni importanti a gennaio

L’ANSA riporta fonti vicine al Milan che negano la possibilità di cedere giocatori importanti a gennaio. Stamattina si era parlato di Donnarumma e Suso.

Paolo Maldini e Zvonimir Boban
Paolo Maldini e Zvonimir Boban (©Getty Images)

La notizia del rosso in bilancio da record per il Milan ha buttato ulteriore benzina sul fuoco. Infatti intorno al club rossonero, e in particolare a Elliott Management, c’è sempre una sorta di malumore che, ad oggi, non è giustificabile.

Infatti alcuni organi di stampa questa mattina ne hanno parlato come una catastrofe, ipotizzando subito possibili cessioni importanti nel mercato di gennaio, così come fanno ormai da anni ma senza beccarci mai. Chiaramente i nomi sono sempre quelli: Gianluigi Donnarumma e Jesus Suso, i due che garantirebbero al Milan delle plusvalenze molto importanti poiché uno viene dal settore giovanile e l’altro arrivò dal Liverpool praticamente a zero euro.

Calciomercato Milan, nessuna cessione a gennaio

In questi minuti l’ANSA ha parlato di smentite da fonti vicine al club rossonero su queste indiscrezioni. Infatti pare che il club non abbia alcuna intenzione di vendere durante il calciomercato di gennaio, figuriamoci i giocatori migliori. Tutta l’attenzione di Ivan Gazidis e di Elliott Management è quella di sistemare i conti del club e di riportarlo alla corte dell’UEFA con maggior credibilità dal punto di vista finanziario. Per farlo però ci vorrà molto tempo.

Non sono quindi previste cessioni importanti nel mese di gennaio. Così come, molto probabilmente, non sarà a disposizione un extra-budget per gli acquisti. Stamattina si è parlato di un accordo con Mario Mandzukic, che però è in scadenza di contratto nel 2021 e guadagna molto. Sì, è in rotta con la Juventus, che però chiede comunque una somma per la cessione, e in più c’è l’ostacolo stipendio. Farebbe molto comodo al Milan, ma è un’operazione molto difficile.

CorSera – Milan, bilancio 2018/2019 non sotto i riflettori UEFA