Milan-Ibrahimovic, Piatek può cambiare idea: possibile uscita a gennaio 

Krzysztof Piatek ora può salutare il Milan. Come infatti rivela La Gazzetta dello Sport, con l’approdo di Zlatan Ibrahimovic, il polacco inizierà a guardarsi attorno in vista di gennaio. 

Krzysztof Piatek
Krzysztof Piatek (©Getty Images)

Zlatan Ibrahimovic entra, Krzysztof Piatek esce. Come infatti riferisce La Gazzetta dello Sport oggi in edicola, con l’approdo del 38enne svedese il centravanti polacco ora è alle strette e dovrà trovare spazio altrove.

Il futuro di Piatek, infatti, adesso più incerto che mai e potrebbe rinnegare l’idea di volersi giocare il posto se il mercato gli proporrà soluzioni gradite. Non il Genoa che significherebbe un passo indietro per lui, ma magari la Fiorentina se il pensiero lontano di oggi diverrà qualcosa di più concreto.

Milan, Piatek saluta a gennaio?

“Se arriva Ibra sarà un bene per il Milan, ci servono giocatori così. È un grande campione, possiamo giocare insieme”. Così si esprimeva il bomber dell’Est lo scorso 9 dicembre, ossia nell’immediato post partita dello stadio Dall’Ara dove il Diavolo si impose per 2-3 contro il Bologna di Sinisa Mihajlovic.

Fu la gara della piccola rinascita per Piatek, con l’attaccante che tornò a dare incoraggianti segnali di vita in campo. Grintoso, determinato ed efficace: il classe 95 si procurò un rigore e lo calcio con efficacia, poi guidò la squadra a suon di sportellate, aperture e facendola risalire da vero centravanti.

Ma nonostante tutto, ciò potrebbe non bastare. Anzi – come evidenzia il quotidiano – molto probabilmente sarà così. Al netto anche di quanto finora detto dal giocatore, è probabile che alla fine decida di cambiare area piuttosto che stare a guardare puntualmente ogni domenica a partirà da metà gennaio in poi.

Il Milan, da parte sua, non ha dubbi sulle gerarchie: a dispetto dei segnali di ripresa, Piatek ha già avuto le sue tantissime opportunità. Ora tocca al salvatore scandinavo. E dunque il futuro di Piatek è più incerto che mai.

Elneny al Milan: arriva la smentita di Boban