Sky – Milan, scelto il nuovo portiere: Begovic per il dopo-Reina

Calciomercato Milan | I rossoneri sembrano aver trovato il profilo ideale per sostituire l’ormai partente Pepe Reina, che giocherà in Inghilterra.

Asmir Begovic
Asmir Begovic con il Bournemouth (©Getty images)

Il Milan ha scelto il suo nuovo numero 12. Ovvero il portiere che diventerà, almeno fino a giugno prossimo, la prima alternativa a Gianluigi Donnarumma.

I rossoneri sono ormai pronti a salutare Pepe Reina, portiere classe ’82 che ha deciso di andare a giocare in Inghilterra. Lo spagnolo ha accettato la proposta dell’Aston Villa, club che gli ha promesso un posto da titolare.

La contromossa del Milan arriva proprio dalla Premier League. Secondo Gianluca Di Marzio di Sky Sport il nome in cima alla lista dei papabili portieri è quello di Asmir Begovic, estremo difensore classe ’87 di proprietà del Bournemouth.

MILAN, VISITE MEDICHE IN CORSO PER KJAER

Il Milan ha scelto Begovic: chi è il sostituto di Reina

Begovic dunque sembra in pole per sostituire l’esperto Reina all’interno della rosa del Milan. Si tratta di un numero uno 32enne che attualmente milita nel Qarabag.

Una decisione particolare quella di Begovic, che dopo aver indossato le maglie di club inglesi come Stoke City, Chelsea e Bournemouth ha accettato di andare a giocare nella capitale dell’Azerbaigian.

Begovic però potrebbe rientrare a breve per trasferirsi al Milan. Una soluzione che piace non poco al portiere bosniaco, il quale sbarcherebbe in Italia e rientrerebbe nel calcio che conta immediatamente.

Nelle prossime ore i contatti si intensificheranno, con il Qarabag pronto a dare il via libera a Begovic. Si tratterà di un trasferimento a titolo temporaneo, fino a giugno 2020. Difficile capire se il Milan si riserverà o meno il diritto di riscatto sul portiere.

Accantonati per ora dunque i nomi di Viviano e Sportiello, indicati nelle ultime ore come papabili nuovi portieri rossoneri. Il vice di Donnarumma arriverà dall’Inghilterra, passando però per Baku.

Milan, torna il 4-4-2: l’ultima volta contro l’Olympiacos